Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!

Recensione: “Cercando Alaska”, John Green.

1 Commento

Titolo: Cercando Alaska
Titolo originale: Looking for Alaska
Autore: John Green
Editore: Rizzoli
Pagine: 299
Anno: 2010

Giudizio: 4/5

Sinossi
Miles Halter, sedici anni, colto e introverso, comincia a frequentare un’esclusiva prep school dell’Alabama. Qui lega subito con Chip, povero e brillantissimo, ammesso alla scuola grazie a una borsa di studio, e con Alaska Young, divertente, sexy, attraente, avventurosa studentessa di cui tutti sono innamorati. Insieme bevono, fumano, stanno svegli la notte e inventano scherzi brillanti e complicati. Ma Miles non ci mette molto a capire che Alaska è infelice, e quando lei muore schiantandosi in auto vuole sapere perché. È stato davvero un incidente? O Alaska ha cercato la morte?

Ho fatto fatica ad ingranare e devo ammettere che questo dettaglio ha penalizzato in partenza il mio approccio al libro. Non essendo totalmente vergine di John Green, ma limitandosi la mia esperienza a Colpa delle stelle, Cercando Alaska ha messo da subito ben in chiaro di non aver niente a che fare – con l’eccezione della penna straordinariamente brillante e acuta –  con la mia esperienza pregressa. È un libro denso, che pagina dopo pagina mi lasciava addosso una sensazione vagamente sgradevole come può essere la patina di sudore sulla pelle in una giornata estiva particolarmente torrida; un libro che ha qualcosa di vagamente disturbante ma che porta il lettore ad affezionarsi a ciascuno dei suoi sfigatissimi personaggi. Perché fondamentalmente è la storia di un gruppo di sfigati che fanno amicizia tra di loro, o almeno questo è quello che succede nella prima metà del libro: per pagine e pagine e pagine seguiamo Miles-Ciccio, il Colonnello, Alaska e la loro banda di compari nelle loro sgangherate avventure, per pagine e pagine e pagine scandagliamo i sentimenti di Miles-Ciccio nei confronti di Alaska (abbastanza inspiegabili a mio, avviso, l’ho trovata quantomai antipatica seppur notevole in certe sue riflessioni), per pagine e pagine e pagine ci chiediamo cosa diavolo voglia dire il titolo – Cercando Alaska, ma cercare cosa che lei sta sempre sotto al nostro naso in tutto il suo imperscrutabile splendore?
Poi succede. Dal nulla, nella quiete afosa delle pagine e pagine e pagine esplode un fuoco d’artificio che cambia ogni cosa, che costringe a cambiare e svela una nuova profondità a quei personaggi che sulle prime erano solo un branco di emarginati in una prep school piuttosto facoltosa. Diventa una storia sulla difficoltà dell’accettare la morte di una persona cara, sulla colpa, sul senso di responsabilità, su tutte quelle piccole – e a volte meschine – sfaccettature del lutto senza il filtro che a volte la letteratura lascia calare come un velo sulle sue creature. Non ci sono gentilezze, non ci sono sconti: c’è chi diventa egoista, chi si arrabbia, chi non sa come affrontarlo e lascia se ne vada da sé; un sentiero tortuoso e doloroso, a tratti così intimo che spiarlo diventa troppo, fino al tanto agognato perdono che scioglie ogni rancore.

Sembrava tutt’altro, mi aspettavo tutt’altro.
L’unica cosa di cui ero certa è la straordinaria capacità narrativa di John Green – quella decisamente non mi ha delusa.

Annunci

Autore: Chiaraleggetroppo

Venti +5, mi divido tra Trieste e Forlì. Leggo libri, guardo film, penso troppo. L’amore della mia vita ha quattro zampe, il pelo nero e si chiama Kora. #SonoFattaPeggioDiMale

One thought on “Recensione: “Cercando Alaska”, John Green.

  1. Pingback: Recensione: “Tu contro di me”, Jenny Downham. | chiaraleggetroppo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...