Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!

The Ice Cream Book Tag

Lascia un commento

È sabato pomeriggio, fuori c’è il sole e ho passato la mattina in bosco, sotto la pioggia, a lavorare con il porchetto – aka Kora. Quale modo migliore per contrastare l’abiocco pomeridiano, se non pensando all’estate che non c’è mai stata e ai gelati che non ho mangiato perché le temperature mi facevano venir voglia di cioccolata calda e strudel di mele affogati nella salsa di vaniglia calda? Appunto. L’Ice Cream Book Tag è una cosa adorabile, che probabilmente avrei fatto lo stesso anche se Annachiara – Please Another Book – non mi avesse taggata. Ma siccome l’ha fatto, allora vale doppio e doppio è anche il mio sorriso nel nominare a mia volta Cecilia – Se solo sapessi dire – e Erika – Wonderful Monster -, assieme a chiunque altro volesse farlo. Buone letture, e buon weekend!

PISTACCHIO – un libro con la cover verde.

9770668

L’Orda del VentoAlain Damasio
Questa è la storia di una terra circondata dai ghiacci e spazzata dal vento. Da un vento che cambia sempre forza, intensità e direzione. Ma non smette mai di soffiare. Costante e implacabile. Questa è la storia della 34ª Orda, decisa a scoprire l’origine del vento. Un’impresa che dura da otto secoli. E delle 33 Orde precedenti si è persa ogni traccia. Però questa Orda è diversa. Ha già attraversato la città in cui scorre un fiume di vento. Si è già sottratta alla morte superando vortici e cicloni. È arrivata più in là di qualsiasi altra Orda. Questa è la storia di ventidue personaggi, ognuno con la propria voce e con molte cose da raccontare. Caracollo, il trovatore, estroverso, misterioso, profondo, sognatore e veggente. Oroshi, l’aeromastra, che dedica tutta se stessa a scoprire la verità. Sov, lo scriba, insicuro e dubbioso, che osserva e giudica. Erg, il guerriero-protettore, coraggioso al limite della follia.

Poche parole, per uno dei miei libri di sempre. La prosa, l’uso delle parole, la profondità delle riflessioni e l’assoluta genialità di questo libre sono troppo eccezionali per poter essere descritte da una comune mortale quale io sono. Lo rileggo periodicamente, sto consumando le pagine per quanto le sfoglio e davvero, non stanca manca. Consigliatissimo, senza ombra di dubbio.

NOCCIOLA – una serie molto lunga che vorresti leggere quest’estate ma che probabilmente non farai e perché.

Night HuntressJeanine Frost
Se non vado errata, sono sei volumi, non troppi ma neppure troppo pochi. Di base non è che non abbia voglia di affrontare una saga, è che ho come il presentimento che finirebbe col deludermi come è successo con l’Accademia dei Vampiri: quando ci sono tanti capitoli, c’è bisogno di una trama molto forte a sostenerli e purtroppo questo genere di libri tendono a perdere spessore man mano che si procede.
Per cui sì, vorrei leggerla, ma di fatto non lo farò 1.perché l’estate è praticamente finita e 2. perché non voglio restare delusa.
Questo però non vuol dire che non la leggerò mai, ovviamente, ma che semplicemente rimando l’appuntamento a data da destinarsi – specie perché ho moltissimi altri libri in attesa, molti dei quali so per certo non mi lasceranno col culo a terra, come si suol dire dalle mie parti…!

FRAGOLA – Un libro con la storia d’amore più dolce.

Il giardino dei nuovi iniziNora Roberts

Lo storico albergo di Boonsboro, nel Maryland, ha visto succedersi guerre e momenti di pace, periodi prosperi e tempi difficili, ha cambiato gestione in diverse occasioni e si è persino vociferato che fosse infestato dai fantasmi. E ora nuovi cambiamenti sono in vista…
Non solo perché i fratelli Montgomery e la loro eccentrica madre hanno deciso di ristrutturarlo, ma anche perché il nuovo progetto coinvolgerà le vite di molti… Un’ondata di sorprese travolgerà l’intera cittadina, e quando un tocco di rosa si affaccia all’orizzonte, portando una ventata di novità, nessuno dei tre fratelli verrà risparmiato.
Ma c’è un altro progetto in cui Beckett Montgomery si è gettato a capofitto: fare innamorare la donna che sta aspettando di baciare da quando aveva quindici anni.

Sissignori, io leggo Nora Roberts. E mi piace pure molto, mi piace al punto che vorrei vivere nei suoi libri e in questo in particolare.

VANIGLIAIl tuo classico preferito.

Cent’anni di solitudine –  Gabriel Garcia Marquez
È la storia centenaria della famiglia Buendia e della città di Macondo. In un intreccio di vicende favolose, secondo il disegno premonitorio tracciato nelle pergamene di un indovino, Melquiades, si compie il destino della città dal momento della sua fondazione alla sua momentanea e disordinata fortuna, quando i nordamericani vi impiantarono una piantagione di banane, fino alla sua rovina e definitiva decadenza. La parabola della famiglia segue la parabola di solitudine e di sconfitta che sta scritta nel destino di Macondo, facendo perno sulle 23 guerre civili promosse e tutte perdute dal colonnello Aureliano, padre di 17 figli illeggittimi e descrivendo in una successione paradossale le vicende e le morti dei vari Buendia.

Conta come classico? Vale? Beh, lo facciamo valere perché questo libro non ha fatto vincere a Marquez il nobel per la letteratura senza un motivo: è un capolavoro, punto e basta.

MENTAUn libro per bambini che ti piace.

Vacanze all’Isola dei GabbianiAstrid Lindgren
L’amore per la natura è una delle passioni più forti che guidano l’inventiva di Astrid Lindgren: come tutti gli scandinavi, prova una profonda esaltazione di fronte ai colori e ai profumi dell’estate, un rinnovarsi dell’animo. Anche gli oggetti sono dotati per lei di personalità e di vita, ma soprattutto lo sono le case: così il romanzo, ambientato nell’isola più lontana dell’arcipelago svedese, “al confine dell’orizzonte”, nello splendore dell’estate, è soprattutto illuminato dalla passione che la famiglia Melkerson prova per la Vecchia Falegnameria, un’antica abitazione piena di fascino.

FIORDILATTEUn libro molto lungo che hai letto velocemente.

 Le Tredici vite e mezzo del Capitano Orso BluWalter Moers, John Browjohn.
Captain Bluebear tells the story of his first 13-1/2 lives spent on the mysterious continent of Zamonia, where intelligence is an infectious disease, water flows uphill, and dangers lie in wait for him around every corner.

“A bluebear has twenty-seven lives. I shall recount thirteen and a half of them in this book but keep quiet about the rest,” says the narrator of Walter Moers’s epic adventure. “What about the Minipirates? What about the Hobgoblins, the Spiderwitch, the Babbling Billows, the Troglotroll, the Mountain Maggot… Mine is a tale of mortal danger and eternal love, of hair’s breadth, last-minute escapes.” Welcome to the fantastic world of Zamonia, populated by all manner of extraordinary characters. It’s a land of imaginative lunacy and supreme adventure, wicked satire and epic fantasy, all mixed together, turned on its head, and lavishly illustrated by the author.

Letto quando ero più piccola, in pochissimo tempo. Bellissimo.

Annunci

Autore: Chiaraleggetroppo

Venti +5, mi divido tra Trieste e Forlì. Leggo libri, guardo film, penso troppo. L’amore della mia vita ha quattro zampe, il pelo nero e si chiama Kora. #SonoFattaPeggioDiMale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...