Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!

#49 Teaser Tue—Thursday!

Lascia un commento

Buongiorno!
Mentre mi leggete sto probabilmente fallendo nel seguire una lezione perché mentre vi scrivo è mercoledì pomeriggio, c’è un sole meraviglioso e sto per buttarmi a letto un paio d’ore: ho un impegno serale, che coinvolge karaoke e temo dell’alcol, al quale non posso mancare. Quindi mi prendo per tempo e preparo questo post con un teaser rapido rapido, sempre tratto dalle pagine di Radiant Shadow, di Melissa Marr. Amo questa saga. La amo. Perché non l’ho scoperta prima?

Gabriel e Devlin si stavano guardando in cagnesco.
«Non serve a nulla parlare». Ani si sedette accanto a Rabbit.
Il fratello le mise un braccio sulle spalle. «Gabriel ha bisogno di sfogare il suo dolore».
«Battendosi contro il mio…», s’interruppe quando si rese conto di non saper concludere la frase.
«Il tuo cosa?», ringhiò Gabriel dando uno spintone a Devlin. «Il suo cosa?».
«Basta». Ani balzò in piedi e si piazzò davanti al padre. «È lui che mi ha protetto finora».
«È il Sicario della Regina Suprema…».
«Sì, e tu sei quello del Re del Buio», replicò Ani esasperata. «E con ciò?».
Gabriel allungò un braccio come a volerla togliere di mezzo, ma la figlia glielo bloccò.
A quel gesto lui la fissò e sorrise, preparandosi a colpirla.
«Non credo proprio», esclamò Ani. Schivò il colpo sferrando un pugno che fece barcollare il padre. Era la prima volta nella sua vita che lo metteva in difficoltà.
Di riflesso Gabriel replicò non con uno di quei colpetti bonari e insultanti a cui era Ani abituata, ma un vero cazzotto, tirato da un segugio che colpisce un suo pari.
«Volevi colpirmi», mormorò lei. «Hai davvero cercato di colpirmi!».
«Ti ho colpito», disse lui tastandosi il viso, «e tu hai colpito me».
Si strinse a lui. «Finalmente».
Gabriel la guardava con orgoglio. «Mi hai dato un cazzotto degno di Chela. Com’è possibile?».
«Ani non ha quasi più nulla di umano», spiegò Devlin in tono imperturbabile, falsamente calmo. «Il suo sangue mortale è stato consumato dal tuo, Gabriel. È per questo che è così anomala e sospetto che dipenda dal fatto che Jillian avesse un antenato non mortale».
Gabriel la sollevò da terra, abbracciandola. «Sei ancora la mia bambina, però. Non pensare di potertela svignare senza avvertirci. Okay?».
«Volevo solo proteggere voi». Ani simulò un ringhio, ma non era in collera con lui per quell’atteggiamento protettivo: sapeva che era tipico della Corte Oscura e dei segugi. «E c’erano Devlin e Barry con me. Non ero sola».
Gabriel la posò di nuovo a terra. «Barry?».
«È così che ho chiamato il mio destriero».
Il padre le diede una pacca su una spalla e lei si sentì meglio.
Poi comprese che Devlin aveva intuito che un piccolo assaggio di violenza l’avrebbe fatta stare meglio. Lo guardò e sorrise.
Il sollievo che vide sul suo volto le strinse il cuore. Ani gli porse la mano. «Allora, cosa si fa?».
Devlin fece un cenno con il capo in direzione di Gabriel. «Se lo scontro vi ha calmati, forse potremmo tornare al nostro piano».
«Questo non significa che tu mi piaccia più di prima», minacciò Gabriel. «Prova soltanto a deluderla e io giuro che ti massacrerò finché non mi chiederai…».
«In quel caso essere massacrato sarebbe il minore dei mali». Devlin strinse Ani a sé.
Gabriel annuì e si avviò in soggiorno, dove li stavano aspettando Irial e Niall.

Per metà umana e per metà essere fatato, Ani è guidata dai propri appetiti. Ma sono gli stessi che guidano anche nemici potenti e deboli alleati, come Devlin che è stato modellato per essere un assassino ed è il fratello della Regina dell’Alta Corte, fredda e calcolatrice, nonché della gemella di lei, confusionaria e personificazione della guerra. Devlin però vuole salvare Ani dalle sue sorelle, sapendo che, se fallisce, sarà lui lo strumento con cui la ragazza verrà uccisa. Ani, da parte sua, non è tipo da lasciarsi controllare mentre altri lottano a causa sua: ha abbastanza coraggio da proteggere se stessa e alterare i piani di Devlin. I due sono indissolubilmente legati da un destino che li rende allo stesso tempo minaccia e protezione l’uno per l’altra. Ma nel momento in cui la loro vicinanza diventa più stretta, un inganno ancora maggiore si prepara a mettere in pericolo il mondo fatato. Il prezzo da pagare perché si salvi sarà dunque la loro separazione?

 

Annunci

Autore: Chiaraleggetroppo

Venti +5, mi divido tra Trieste e Forlì. Leggo libri, guardo film, penso troppo. L’amore della mia vita ha quattro zampe, il pelo nero e si chiama Kora. #SonoFattaPeggioDiMale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...