Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


7 commenti

MiniReview: “Gravity”, Melissa West – @I_am_europe edition!

Title: Gravity (The Taking #1)
Author: Melissa West
Publisher: Entangled Teen
Pages: 284
Year: 2012

Seventeen-year-old Ari Alexander just broke that rule and saw the last person she expected hovering above her bed — arrogant Jackson Locke, the most popular boy in her school. She expects instant execution or some kind of freak alien punishment, but instead, Jackson issues a challenge: help him, or everyone on Earth will die.
Ari knows she should report him, but everything about Jackson makes her question what she’s been taught about his kind. And against her instincts, she’s falling for him. But Ari isn’t just any girl, and Jackson wants more than her attention. She’s a military legacy who’s been trained by her father and exposed to war strategies and societal information no one can know — especially an alien spy, like Jackson. Giving Jackson the information he needs will betray her father and her country, but keeping silent will start a war.

Ok. I can do this, I can write a whole review in English and since I’ve read the book in English, it should not be impossible. As many of you already know, I have a thing for dystopian books – and that’s why I’m struggling to write my dissertation about the correlation between them and the risk sociologists think society is going to face (if you read something about it on a paper or an article, please tell me!). However, the reason why I chose this one is different. A few weeks ago, the blog took part of a Book Blizt on Collide, the third book of The Taking Saga: the plot and the teaser that came with the post-kit was so fascinating I felt the urge of reading it. But in order to do it, I had to read the first book… so, I did it. And it was not as good as I expected.

The plot was very simple: Ari is going to be the next military leader in a world where humanity became a sort of living antibodies-pump used by the Ancients. The Ancients, there’s no need to tell you, are aliens. The Earth is a mess after a nuclear war that destroyed pretty much everything, so they arrived from space offering their help in the fixing process in change of human antibodies, needed to survive on the planet. The exchange takes place at night and there’s only one rule to follow: you must not peek. Well, Ari takes a look and finds that her Ancient is one of her school mate, Jackson, a gorgeous boy that should not be on Earth at all since the Ancients are not allowed to attend human schools or even be on the planet without permission. She should report this to her dad, who happens to be the chief of the military system, but she does not. And this is the moment when everything starts to change.

As I mentioned before, the plot is simple and catchy. The whole dystopian scenario works really well, even if the author does not spend so many words on it, and the story goes on with a good rhythm. But there is a moment where everything goes wrong, when Melissa West decides to push on the fast forward button and I get lost. Ari is now engaged with Lawrence, who is in love with Ari’s best friend, but she falls for Jackson so fast I actually asked myself if there were missing pages in my eBook. Yet, there’s not love triangle, because feelings evolve so fast that there isn’t time for drama to grow in a decent way. Furthermore, suddenly neither humans nor alien really want the coexistence to happen, and as a result the readers find themselves in a words maze without a logic escape.

Many people I know loved this book and I can understand them. I don’t know if it was my fault – Was I diverted? Did I not read carefully? I don’t know – or if there was something in the book that was not working very well with me. The plot is fine, the writing was good – for what I can tell, I think I proved you enough the struggle I live every time I have to speak/write a foreign language…! –  and the characters were ok despite some choices they made. I still don’t get how it possible for a girl like Ari to trust a boy she never talked to. She was raised to be a leader, she should understand the importance of rules. This young man was an Ancient who spent his whole life sucking her antibodies in order to survive on a Planet where he was not supposed to live on in that very moment! Why didn’t she reported him? The story could evolve in a different way and still lead to the same conclusion, so why did not Melissa West choose a more coherent evolution?

Overall, the storyline was entertaining and the reading was good; plus it was refreshing to finally read a dystopian book that has the main characters trying to stop a war, rather than trying to fight against the system. I don’t think I will continue with the other books, but I’m glad I gave it a chance.

Special thanks to @_ceciliasaba, who edited the review for me ❤

Annunci


1 Commento

#9 WWW Wednesday – @I_am_Europe edition!

Hello everyone!
As you already know if you follow me on Facebook, I’m taking over the @I_am_Europe Twitter account. It means I’m going to bumble in English until Sunday night, because on Monday somebody else will take my place. As you can see, I’m experimenting some difficulties trying to put together some content take makes sense, so I stop it here: here you can find more informations, which are well written and comprehensible. I honestly have no idea about how to explain the project, suddenly I feel like I can’t speak or write English AT ALL. But I’m going it anyway, because I’m enjoying the experience a lot and I thought it could be nice to share a blog post with all the nice people are talking with me these days. So, here we are! And since it’s Wednesday, it’s time to recap my readings with a WWW Wednesday!

WHAT ARE YOU CURRENTLY READING?

Maggie Stiefvater, Shiver.
For years, Grace has watched the wolves in the woods behind her house. One yellow-eyed wolf—her wolf—is a chilling presence she can’t seem to live without.
Meanwhile, Sam has lived two lives: In winter, the frozen woods, the protection of the pack, and the silent company of a fearless girl. In summer, a few precious months of being human… until the cold makes him shift back again.
Now, Grace meets a yellow-eyed boy whose familiarity takes her breath away. It’s her wolf. It has to be. But as winter nears, Sam must fight to stay human—or risk losing himself, and Grace, forever.

WHAT DID YOU RECENTLY FINISH READING?

Rainbow Rowell, Eleanor&Park.

Two misfits.
One extraordinary love.
Eleanor
… Red hair, wrong clothes. Standing behind him until he turns his head. Lying beside him until he wakes up. Making everyone else seem drabber and flatter and never good enough…Eleanor.
Park… He knows she’ll love a song before he plays it for her. He laughs at her jokes before she ever gets to the punch line. There’s a place on his chest, just below his throat, that makes her want to keep promises…Park.
Set over the course of one school year, this is the story of two star-crossed sixteen-year-olds—smart enough to know that first love almost never lasts, but brave and desperate enough to try.

Becca Fitzpatrick, Black Ice.
|| Review

Sometimes danger is hard to see… until it’s too late.
Britt Pfeiffer has trained to backpack the Teton Range, but she isn’t prepared when her ex-boyfriend, who still haunts her every thought, wants to join her. Before Britt can explore her feelings for Calvin, an unexpected blizzard forces her to seek shelter in a remote cabin, accepting the hospitality of its two very handsome occupants—but these men are fugitives, and they take her hostage.
In exchange for her life, Britt agrees to guide the men off the mountain. As they set off, Britt knows she must stay alive long enough for Calvin to find her. The task is made even more complicated when Britt finds chilling evidence of a series of murders that have taken place there… and in uncovering this, she may become the killer’s next target.
But nothing is as it seems in the mountains, and everyone is keeping secrets, including Mason, one of her kidnappers. His kindness is confusing Britt. Is he an enemy? Or an ally?
BLACK ICE is New York Times bestselling author Becca Fitzpatrick’s riveting romantic thriller set against the treacherous backdrop of the mountains of Wyoming. Falling in love should never be this dangerous…

Adi Alsaid, Let’s get lost.


Five strangers. Countless adventures. One epic way to get lost.
Four teens across the country have only one thing in common: a girl named LEILA. She crashes into their lives in her absurdly red car at the moment they need someone the most.
There’s HUDSON, a small-town mechanic who is willing to throw away his dreams for true love. And BREE, a runaway who seizes every Tuesday—and a few stolen goods along the way. ELLIOT believes in happy endings…until his own life goes off-script. And SONIA worries that when she lost her boyfriend, she also lost the ability to love.
Hudson, Bree, Elliot and Sonia find a friend in Leila. And when Leila leaves them, their lives are forever changed. But it is during Leila’s own 4,268-mile journey that she discovers the most important truth— sometimes, what you need most is right where you started. And maybe the only way to find what you’re looking for is to get lost along the way.

WHAT ARE YOU GOING TO READ NEXT?

James Dashner, The eye of mind.
Michael is a gamer. And like most gamers, he almost spends more time on the VirtNet than in the actual world. The VirtNet offers total mind and body immersion, and it’s addictive. Thanks to technology, anyone with enough money can experience fantasy worlds, risk their life without the chance of death, or just hang around with Virt-friends. And the more hacking skills you have, the more fun. Why bother following the rules when most of them are dumb, anyway?
But some rules were made for a reason. Some technology is too dangerous to fool with. And recent reports claim that one gamer is going beyond what any gamer has done before: he’s holding players hostage inside the VirtNet. The effects are horrific—the hostages have all been declared brain-dead. Yet the gamer’s motives are a mystery.
The government knows that to catch a hacker, you need a hacker.
And they’ve been watching Michael. They want him on their team.
But the risk is enormous. If he accepts their challenge, Michael will need to go off the VirtNet grid. There are back alleys and corners in the system human eyes have never seen and predators he can’t even fathom—and there’s the possibility that the line between game and reality will be blurred forever.

What about you? Do you plan your readings? As my followers know, I always try and always fail: when it comes to readings, there’s no way I can resist the urge to read a book, even if I already decided to read something else. Maybe one day I will, who knows!
Have a nice evening 🙂


4 commenti

#47 Teaser Tuesday!

Ragazzi, i prossimi mesi saranno tostissimi.
Seguire le mie – poche, per fortuna – lezioni e lavorare per il tirocinio sono due cose che messe assieme rubano un sacco di tempo e un sacco di energie. Sono stanca morta e per oggi non ho ancora finito, mi aspetta ancora la palestra… insomma, un macello. Motivo per cui il teaser di oggi sarà breve e di nuovo tratto dalle pagine di Shiver, di Maggie Stiefvater.
Enjoy!

Mi affacciai nel corridoio per controllare che i suoi genitori non fossero nei dintorni e mi intrufolai di nuovo nella stanza, dove Grace si era già infilata nel letto, un rigonfiamento lungo e morbido sotto le coperte. Per un attimo provai a immaginare com’era vestita.
Avevo un ricordo annebbiato, da lupo, di quando una mattina di primavera era scesa dal letto indossando soltanto una maglietta larga, e ripensai alle sue lunghe gambe nude che scivolavano da sotto le coperte. Così sexy da far male.
Di colpo mi vergognai per quelle fantasticherie. Per alcuni minuti feci avanti e indietro ai piedi del letto, pensando alle docce fredde e agli accordi e ad altre cose che non fossero Grace.
«Ehi» sussurrò lei, la voce impastata come se già dormisse. «Che cosa stai facendo?»
«Ssst» dissi, con le guance infiammate. «Scusa se ti ho svegliata. Stavo solo pensando.»
Il suo commento fu spezzato da uno sbadiglio. «E allora smettila di pensare.»
Mi distesi sul letto, restando sul bordo del materasso. Quella sera era successo qualcosa che mi aveva cambiato, qualcosa riconducibile al fatto che Grace mi aveva visto dare il peggio, immobile nella vasca da bagno, pronto ad arrendermi. Quella notte il letto sembrava troppo piccolo per sfuggire al suo profumo, al suono intorpidito della sua voce, al calore del suo corpo. Con fare discreto, ammucchiai un po’ di coperte tra noi e posai la testa sul cuscino, sperando che i miei dubbi volassero via e mi lasciassero dormire. Grace si protese verso di me e iniziò ad accarezzarmi i capelli. Chiusi gli occhi e lasciai che mi facesse impazzire. Lei disegna forme strane sul mio viso / Forme che non possono cambiare / la versione di me che tengo dentro / quando sono accanto a te, accanto a te, accanto a te.
«Mi piacciono i tuoi capelli» disse.
Io non dissi niente. Pensavo a una melodia che si accordasse con quei versi.
«Mi spiace per stasera» sussurrò. «Non volevo spingerti al limite.»
Sospirai mentre le sue dita tracciavano la linea delle mie orecchie e del collo.
«Va tutto così in fretta. Vorrei che tu» – mi fermai prima di dire mi amassi, perché non volevo sembrare arrogante – «vorrei che tu stessi con me. L’ho sempre voluto. Solo, non ho mai pensato che potesse succedere.» Suonava troppo serio, così aggiunsi: «In fondo sono una creatura mitologica. Tecnicamente non dovrei esistere.»
Grace rise, a bassa voce, solo per me. «Stupido. Io ti trovo molto reale.»
«Anch’io» sussurrai.
Ci fu una lunga pausa al buio.
«Vorrei essermi trasformata» disse alla fine, quasi impercettibile.
Aprii gli occhi, perché avevo bisogno di vedere la sua espressione.
Era più esplicita di qualsiasi altra espressione che le avevo visto fino ad allora; infinitamente triste, con le labbra socchiuse dal desiderio. Mi protesi verso di lei, le presi il viso tra le mani. «Oh, no, non devi, Grace. Non devi.»
Scosse la testa contro il cuscino. «Sono così infelice quando sento gli ululati. Stavo cosi male quando d’estate non ti vedevo.»
«Oh, angelo, se potessi ti porterei con me» dissi, e mentre lo dicevo ero sorpreso che dalla mia bocca fosse uscita la parola angelo e che fosse quella più appropriata.

Grace e Sam non si sono mai parlati, ma da sempre si prendono cura l’una dell’altro. Non si conoscono, eppure lei rischierebbe la vita per lui, e lui per lei.
Perché Grace, fin da piccola, sorveglia i lupi che vivono nel bosco dietro casa sua, e in particolare uno dotato di magnetici occhi gialli, che negli anni è diventato il suo lupo. E perché Sam da quando era un bambino vive una doppia vita: lupo d’inverno, umano d’estate. Il caldo gli regala pochi preziosissimi mesi da essere umano prima che il freddo lo trasformi di nuovo.
Grace e Sam ancora non si conoscono, ma tutto è destinato a cambiare: un ragazzo è stato ucciso, proprio dai lupi, e nella piccola città in cui vive Grace monta il panico, e si scatena la caccia al branco. Grace corre nel bosco per salvare il suo lupo e trova un ragazzo solo, ferito, smarrito, con due magnetici occhi gialli. Non ha dubbi su chi sia, né su ciò che deve fare.
Perché Grace e Sam da sempre si prendono cura l’una dell’altro, e adesso hanno una sola, breve stagione per stare insieme prima che il gelo torni e si porti via Sam un’altra volta. Forse per sempre.


5 commenti

Recensione: “Black ice”, Becca Fitzpatrick.

Titolo: Black ice
Titolo originale: Black ice
Autore: Becca Fitzpatrick
Editore: Piemme
Pagine: 355
Anno: 2014

Britt si è preparata per più di un anno a un trekking sul Teton Range. Quello a cui non era preparata, però, è scoprire che Calvin, il suo ex ragazzo e unico grande amore, si unirà a lei. Prima che Britt abbia tempo di esplorare i propri sentimenti, si scatena una terribile tormenta che la obbliga a rifugiarsi in una baita sperduta. Peccato che gli occupanti, entrambi giovani e molto affascinanti, siano anche due fuggitivi decisi a prenderla in ostaggio. Britt sa che la conoscenza dei sentieri e l’attrezzatura da trekking che ha con sé rappresentano la sua assicurazione sulla vita, e che deve solo resistere abbastanza a lungo perché Calvin la raggiunga, eppure… In una disperata corsa contro il tempo e il freddo, Britt scoprirà che sotto la neve si nascondono moltissimi segreti e che forse il suo rapitore, la cui gentilezza è decisamente seducente, non è quello che sembra.

Continua a leggere


Lascia un commento

#8 Sunday bumbling!

Buona domenica!
Da buona lettrice incallita, sono una ferma sostenitrice dei diritti imprescindibili del lettore, un elenco affatto banale stilato da Daniel Pennac. Tra questi, ce ne è uno in particolare che devo forzarmi di ricordare quando si presenta la necessità di applicarlo, un po’ perché mi sento in dovere nei confronti di chi l’ha scritto e un po’ perché ho la testa di coccio e quando mi metto in testa di fare qualcosa, o la faccio o è morte. Avete già capito di quale sto parlando? Bravi, il diritto di non finire un libro.
I motivi possono essere infiniti – noia, fastidio, incompatibilità, poco interesse, serve davvero citarli? – e sono uno più valido dell’altro: tra un libro e il suo lettore è fondamentale una certa chimica, un’attrazione a prima vista che incoraggi la lettura, ma dopo questo primo impatto è fondamentalmente che il libro sappia mantenere l’attenzione di chi lo legge, accompagnandone la fantasia fino all’ultima pagina. Quando questo viene a mancare, la lettura diventa un incubo. E leggere deve essere tutto tranne che un incubo, per quel che mi riguarda, per quanto sia difficilissimo chiudere un libro e ammettere che no, c’è qualcosa che non va. Quando poi si ha un blog, la situazione è ancora più complicata perché si instaurano ulteriori dinamiche sotterranee, che vanno dal “se non finisco il libro non ho una recensione da postare” al “eh, ma mi è stata chiesta una recensione, non posso mollare adesso!”, passando per il “no no no, me l’ha mandato una CE, non posso proprio”. Ragionamenti sbagliatissimi. A prescindere da tutto, leggere deve essere un piacere e deve rimanere tale anche se questo significa mettere un libro da parte e ammettere che non era quello giusto per noi.
Tutto questo per arrivare al cuore del post di oggi: libri che ho iniziato a leggere e che, per un motivo o per l’altro, ho abbandonato. Adesso vi spiego perché.

Jennifer L. Armentrout, Opal.
Terzo capitolo della saga Lux, terzo appuntamento con Kitty, Daemon e la loro combriccola di alieni teenager e adolescenti assolutamente nella media. I primi due capitoli li ho letti tutti d’un fiato, catturata dalla novità che gli alieni rappresentavano nel mio panorama di letture e dal continuo tira e molla emotivo tra i due protagonisti, e mi aspettavo grandi cose anche da questo volume.
Invece sono rimasta incredibilmente delusa dalla superficialità, dalla banalità, dall’assoluta mancanza di spessore che mi son trovata ad affrontare sin dalle primissime pagine. Non c’è stato feeling, con questo libro, e la situazione non è migliorata al punto che mi son ritrovata a cercare scuse per non leggere. Quando poi ho terminato un altro libro, mentre questo era ancora in lettura, mi sono arresa all’evidenza che questo libro non era cosa per me, che la prepotenza di Daemon e la stupida avventatezza di Katy mi infastidivano quasi quanto il rancore esagerato, per quanto giustificato, di Dee. Molte cose, del poco che ho letto, mi sono sembrate prevedibile e più il tempo passava, meno interesse avevo a scoprire cosa sarebbe successo poi.

Sasha L. Miller, Losing ground.
Libro richiesto e ottenuto su NetGalley perché totalmente innamorata della copertina – e sfido chiunque a dire che non sia bella! L’ho iniziato con grande entusiasmo, ma da subito ho iniziato a fare davvero fatica nonostante l’idea alla base sia meravigliosa e sulla carta ci sia tutto quello che in un romanzo mi interessa – magia, un contesto vagamente distopico/crepuscolare, la promessa di una romance tutt’altro che banale. Ho trovato il ritmo della narrazione lento, la scrittura pesante e difficile da digerire: le pagine non scorrevano mai, più leggevo e meno mi sembrava di progredire. Non so per quale motivo, non so se sia stata una mia carenza di attenzione o se ci fosse qualcosa che effettivamente non mi sconfinferava, ma proprio non ce l’ho fatta a farmelo piacere e alla lunga mi sono arresa all’evidenza che no, non era cosa per me, e tanto valeva essere onesta con me stessa e passare a qualcosa che mi interessasse molto di più, risparmiandomi un supplizio che sarebbe durato a lungo nonostante le cento pagine scarse del romanzo.

Thomas Melis, A un passo dalla vita.
Era inizio anno, quando sono stata contattata da questo autore emergente, se non addirittura fine dicembre: mi chiedeva una recensione del suo primo lavoro, un noir ambientato in una Firenze per me piuttosto inedita, e, per quanto già sapessi che non fosse il mio genere e che avrei potuto faticare non poco, ho accettato la lettura con l’entusiasmo di chi è alle prime armi. Sapevo a cosa andavo incontro, ma volevo disperatamente essere sorpresa da qualcosa molto al di fuori della mia confort-zone e in un certo senso non posso negare che non sia successo.
Si vede che c’è del lavoro, dietro questo romanzo. Che l’ha scritto qualcuno che conosce la città, che è stato pensato e costruito con una certa cura. Il mondo di Calisto, per quanto oscuro e a me assolutamente ostile, è un mondo che ha delle regole, una sua coerenza, e che denota una cura non indifferente per un emergente. Quello che mi ha impedito di concludere la lettura, insomma, non ha nulla a che vedere con un problema di trama o di stile di scrittura. Il mio problema riguarda fondamentalmente il campo d’affari del protagonista – la droga. Perché se c’è droga di mezzo, io non ce la posso fare. Sto male fisicamente, il solo pensiero risveglia in me un malessere fisico che mi rende insopportabile non solo la lettura ma anche la visione di determinati titoli solo perché la trama è intrecciata allo spaccio o al consumo di sostanze stupefacenti. E di droga ce ne è davvero tanta, in questo romanzo. Mi sono sforzata, in nome delle dinamiche sopra citate, di andare oltre, ma per quanto ci abbia messo tutta me stessa, alla lunga mi sono arresa all’evidenza e ho lasciato perdere: A un passo dalla vita è un bel libro, ma non fa per me.

Ad oggi questi sono gli unici tre libri abbandonati nel 2015.
Ci è voluto tempo per ammettere che non facevano per me, ma una volta fatto mi sono sentita sollevata: amiche lettrici, abbandonare un libro non è una sconfitta, ma un vostro diritto! Non abbiate timore di farlo, se qualcosa non vi va giù è giusto assecondare il vostro istinto: dopo tante letture, ormai sa qual è la cosa giusta per voi!


Lascia un commento

MiniReview: “Nella tana del lupo”, Nora Noir.

Buongiorno!
Lo so, i paperboy ultimamente latitano, evidentemente diffidano di questo caldo ritrovano e aspettano un altro po’ per uscire definitivamente dal letargo, chi lo sa! Intanto ne approfitto per parlarvi di questo libricino ubercarino, letto in un pomeriggio, che vi consiglio caldamente per passare una manciata d’ore straordinariamente piacevoli! Dai che è venerdì, non sentite il richiamo del fine settimana nell’aria?

Titolo: Nella tana del lupo
Autore: Nora Noir
Editore: Rizzoli – You feel
Pagine: 94
Anno: 2015

Quando si accende la passione anche il ghiaccio diventa rovente.
Noemi è una ricercatrice italiana di Scienze naturali. La sua vita scorre ordinaria e tranquilla tra il lavoro all’università e l’amore non corrisposto per un collega, fino a quando il professore che affianca negli studi le chiede di prendere il suo posto in un progetto di ricerca in Alaska: dovrà seguire gli spostamenti dei lupi e studiarne le dinamiche sociali. Noemi, tra mille dubbi e paure, lascia il tepore della famiglia e parte per lo Yukon. Trova ad attenderla Jeff, un rude etologo italo-inglese che si rivela un rassicurante ed esperto compagno di avventura. Gli appostamenti nella neve, i lunghi momenti in attesa del branco e le chiacchierate davanti al caminetto abbattono ogni barriera tra Noemi e Jeff, e scocca una scintilla che nessuno dei due aveva previsto. La natura intorno a loro li aiuterà a liberarsi da qualsiasi convenzione, svelando le loro passioni più intime e selvagge. Ma il passato di Jeff non resterà a lungo sepolto sotto la neve…
Sensuale, intrigante, proibito, dopo “Ciliegio in fiore” un altro elegante erotico che vi sedurrà.

Mi sono approcciata a questo libro in punta di piedi, titubante come tutte le volte che si tratta di affrontare una romance, senza sapere se sarei stata in grado di godermela o se la mia latente avversione al sesso senza trama, senza personaggi, senza sapore sarebbe spuntata fuori di punto in bianco, guastando tutto. Sono stata fortunata, invece, perché Nella tana del lupo è un libricino straordinariamente gradevole che apre una parentesi selvaggia – primitiva – nella vita di Noemi, biologa ricercatrice all’Università di Milano. No, non si sa quale delle tante, ma non è neppure importante in fondo perché la grigia città del nord-Italia è una cornice che l’accompagna per pochissime pagine, presto sostituita dai panorami sconfinati della regione dello Yukon, in Canada. Qui, tra foreste primordiali, cieli gelidi e notti stellate, lontana da tutto ciò che ha sempre conosciuto e pensato di volere, Noemi imparerà il valore straordinario della natura incontaminata al fianco di un uomo che dedica la propria vita a studiare i lupi – creature nobili, dalla fedeltà incrollabile, simbolo di un amore eterno.
La trama è semplice – quasi classica, oserei dire – ma impreziosita dalla particolarità del contesto, dalla precisione con cui sono citate nozioni di etologia che permettono di cogliere un doppio binario tra quella che è la quotidianità dei lupi – la vita in branco, la suddivisione in alpha e beta, il corteggiamento, l’importanza dei ruoli e delle gerarchie, la caccia – e l’evoluzione di Noemi che giorno dopo giorno riscopre se stessa nel mondo magico che la circonda e nell’amore viscerale, animale che la lega inevitabilmente a Jeff. Descritto come un Kurt Cobain che ha raggiunto la maturità, spettinato e piuttosto rude, questo etologo rimane un mistero irrisolto, che si svela solo sporadicamente nel corso della lettura per rivelare delle premure inaspettate e per questo doppiamente gradite; conquista il cuore di Noemi senza averlo messo in conto, conquistato a sua volta, e per quanto in più di una occasione viene proprio voglia di alzare gli occhi al cielo esclamando “tipico!”, non è difficile subire il suo fascino ruvido.
Mi è piaciuta moltissimo l’accuratezza e la precisione in tema di etologia, una fissazione che spesso mi porta a non apprezzare un sacco di romanzi, e ammetto di aver scoperto un paio di cose che ignoravo, in materia. Certo, le poche pagine non permettono chissà quanto approfondimento dei personaggi, l’unico che davvero si ha un po’ la sensazione di conoscere è la protagonista ma anche qui, nonostante la narrazione in prima persona, i tempi sono talmente stringati che non è una cosa così scontata. Complessivamente Nella tana del lupo è una lettura gradevole, veloce e poco impegnativa: l’ideale per un pomeriggio pigro, da ravvivare con la giusta miscela di pepe e romanticismo, senza correre il rischio di scadere nella volgarità più spinta. Davvero una bellissima sorpresa.

Penso e ripenso a mille cose cercando di star calma, finché sento un rumore.
Sarà Jeff? No, è un suono troppo sottile, per essere i passi di un uomo alla ricerca.
Sembrano i movimenti tranquilli di qualcuno che qui è di casa, come se si muovesse nel suo salotto, conoscendone ogni angolo.
So di che cosa si tratta.
Dovrei essere terrorizzata.
Invece… una strana calma mi invade.
Vieni, ti aspetto.
So chi sei.
Sbuca fuori a pochi metri da me.
È un lupo.
Quando mi passa lentamente davanti io mi pietrifico e incrocio il suo sguardo. È meraviglioso: è la prima volta che ne vedo uno così da vicino, in libertà. Ha la testa molto grande, più grande rispetto a quella di un cane, e una pelliccia stupenda. Ma la cosa che ammalia e meraviglia di più è l’intensità dei suoi occhi. Sono grandi, gialli, ben delineati, obliqui e intensi. Intravedo i suoi denti affilati, i canini lunghi e bianchi. La sua forza traspare anche se è immobile e calmo.
A rigor di logica potrebbe attaccarmi, in fondo sono nel suo territorio; invece, niente.
Ci fissiamo per qualche lunghissimo, interminabile, eterno istante. Mi aspetto che da un momento all’alto digrigni i denti e avanzi minacciosamente verso di me, invece non fa proprio niente. Nulla di nulla. Mi guarda un po’ come Jeff quando siamo insieme nella foresta.
Posso leggere benissimo nei suoi occhi intelligenti e freddi quel misto di compassione e distacco che un vero signore della foresta potrebbe provare per una stupida umana di città che ha osato arrivare fin qui. Sa benissimo che potrebbe sbranarmi, ma non lo fa. 
Paradossalmente, sono più tranquilla. È come se sentissi di potermi fidare, e mi pare quasi di leggere nel suo sguardo: «Tranquilla, sciocca, fra poco il tuo capobranco verrà a prenderti. Ne sento già l’odore».

 


3 commenti

#46 Teaser Tue—thursday!

Buon pomeriggio bestioline!
Sono appena tornata da due ore di lezione sulla mia amatissima Anna Arendt, ho il cervello in pappa e un moroso da coccolare. Quindi sarò breve, vi lascio con il teaser – brevissimo – di oggi che arriva dalle pagine di un libricino scritto da Maggie Stiefvater, aka la mia autrice YA preferita di sempre: Shiver.
Cosa state leggendo? Avete progetti per il weekend imminente?

Il giorno in cui fui lì lì per parlare con Grace fu il più caldo della mia vita. Perfino in libreria, con l’aria condizionata, il calore strisciava sotto la porta ed entrava a ondate attraverso le vetrate. Io me ne stavo seduto scomposto sullo sgabello, dietro la cassa, al sole, e risucchiavo l’estate come se avessi potuto trattenerne ogni goccia. Mentre le ore passavano lente, la luce del pomeriggio trasformava i libri sugli scaffali nella versione pallida e dorata di loro stessi e scaldava la carta e l’inchiostro al loro interno, così che l’odore delle parole non lette era sospeso nell’aria.
Questo era ciò che umano, da umano.

Grace e Sam non si sono mai parlati, ma da sempre si prendono cura l’una dell’altro. Non si conoscono, eppure lei rischierebbe la vita per lui, e lui per lei.
Perché Grace, fin da piccola, sorveglia i lupi che vivono nel bosco dietro casa sua, e in particolare uno dotato di magnetici occhi gialli, che negli anni è diventato il suo lupo. E perché Sam da quando era un bambino vive una doppia vita: lupo d’inverno, umano d’estate. Il caldo gli regala pochi preziosissimi mesi da essere umano prima che il freddo lo trasformi di nuovo.
Grace e Sam ancora non si conoscono, ma tutto è destinato a cambiare: un ragazzo è stato ucciso, proprio dai lupi, e nella piccola città in cui vive Grace monta il panico, e si scatena la caccia al branco. Grace corre nel bosco per salvare il suo lupo e trova un ragazzo solo, ferito, smarrito, con due magnetici occhi gialli. Non ha dubbi su chi sia, né su ciò che deve fare.
Perché Grace e Sam da sempre si prendono cura l’una dell’altro, e adesso hanno una sola, breve stagione per stare insieme prima che il gelo torni e si porti via Sam un’altra volta. Forse per sempre.