Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


3 commenti

Recensione: “Magisterium”, Holly Black & Cassandra Clare.

Titolo: L’anno di ferro (Magisterium #1)
Titolo originale: The iron trial (Magisterium #1)
Autore: Holly Black e Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 270
Anno: 2014

Sinossi
Quando raggiunge la grotta in cima al ghiacciaio, Alastair capisce subito che il Nemico l’ha preceduto. Sua moglie Sarah è stata uccisa, come gli altri maghi lì rifugiati. Solo il debole vagito di un neonato lo rincuora: suo figlio Callum, seminascosto accanto al cadavere della madre, è ancora vivo. Ma quando Alastair lo prende fra le braccia, le terribili parole incise nel ghiaccio da Sarah prima di morire lo fanno inorridire… Dodici anni dopo, quando Call viene ammesso al Magisterium, la prestigiosa accademia riservata ai ragazzi dotati di talento magico, suo padre è contrario: sin dalla più tenera età ha insegnato al figlio a diffidare della magia. E ora Rufus, il magister più anziano della scuola, lo ha ammesso all’Anno di Ferro, il primo del Magisterium. Call non può sottrarsi al suo destino. La magia scorre, in certe famiglie. Ma sul destino di Call incombe fin dalla nascita l’artiglio del Nemico.

Continua a leggere

Annunci


1 Commento

Recensione: “Doll bones”, Holly Black.

Forse crescere significava che quasi tutte le storie si rivelavano bugie.

Titolo: Doll Bones
Titolo originale: Doll Bones
Autore: Holly Black
Editore: Mondadori
Pagine: 145
Anno: 2013

Giudizio: 4/5

Sinossi
A dodici anni, Zach passa i pomeriggi a inventare storie con le sue due migliori amiche, Poppy e Alice: i tre hanno affidato il dominio del loro regno immaginario all’enigmatica Regina, una bambola di porcellana così perfetta da sembrare viva. Un brutto giorno il padre affronta Zach intimandogli di crescere e di cominciare a interessarsi a cose “da grandi”. Il mondo di Zach sembra andare in frantumi, finché una notte la Regina compare in sogno a Poppy, rivelandole di essere stata una bambina in carne e ossa di nome Eleanor, le cui ceneri si trovano ora all’interno della bambola; Eleanor non avrà pace finché non sarà seppellita nella sua tomba, in una lontana cittadina dall’altra parte degli Stati Uniti. I tre ragazzi partono nel cuore della notte, dormendo sotto le stelle, accampandosi nei cimiteri, incontrando bizzarri personaggi che parlano alla bambola scambiandola per una bambina vera, in un viaggio che cambierà per sempre le loro esistenze.
Continua a leggere


Lascia un commento

#13 Teaser Thursday

Dopo pranzo, mentre gli passava accanto in corridoio, Poppy gli mise in mano un bigliettino triangola. Zach non aveva bisogno di aprirlo per sapere di che cosa si trattava. Domande. Non riusciva a ricordare a chi fosse venuta l’idea, o quando, ma le domande erano una strana faccenda privata fuori dal gioco. Lui e Poppy e Alice dovevano rispondere a qualsiasi domanda venisse posta sul gioco, per iscritto, ma solo chi aveva fatto la domanda poteva conoscere la risposta. I personaggi non l’avrebbero saputo.
Si passavano bigliettini avanti e indietro, specie quando uno di loro stava per finire in castigo o per partire. Zach provava sempre una vampata d’esaltazione – e un briciolo di paura – nel momento in cui riceveva un bigliettino ripiegato. Era un elemento particolarmente rischioso del gioco. Se fosse finito nelle mani di un insegnante o se l’avesse visto l’Alex… Bastava il pensiero a fargli avvampare il collo per l’imbarazzo.

Jonas pedalava senza fretta, controllando ogni singola rastrelliera davanti a ogni edificio alla ricerca della bici di Asher. Era raro che trascorresse le ore di volontariato assieme all’amico, perché i suoi continui scherzi rendevano difficile lavorare seriamente; ma ora, con la Cerimonia dei Dodici ormai alle porte, la cosa non sembrava più tanto importante.
La libertà di scegliere come passare quelle ore era sempre sembrata a Jonas un lusso incredibile: tutte quelle altre erano regolate con una tale precisione! Ricordava quando era diventato un Otto, come Lily di lì a poco, e aveva dovuto compiere quella scelta. Gli Otto affrontavano sempre le loro prime ore di volontariato con un certo nervosismo, ridacchiando e stringendosi in crocchi e, quasi invariabilmente, le trascorrevano nella familiare area di ricreazione, aiutando i più piccoli. Ma poi, con l’aumentare della sicurezza in se stessi e della maturità, cominciavano a dedicarsi ad altri compiti, prediligendo quelli più consoni alle loro attitudini e inclinazioni.

…e non mi guardate così, ve li avevo promessi! E già che ci sono, colgo l’occasione per dirvi che siete ancora in tempo ad unirvi al #PABGivRA organizzato da Please Another Book: cliccate sul banner qui sotto e andate al post incriminato per tutte le specifiche del caso. Ci si diverte moltissimo a leggere in compagnia, non abbiate paura di buttarvi!


Lascia un commento

Recensione: “Resta anche domani”, Gayle Forman.

Ci siamo! Domani penultimo esame. Ho la testa piena di nozioni e concetti, un costante ronzio di cose che che so, che non so di sapere, che vorrei sapere meglio – quelle che non so presumo di ignorarle direttamente, appurato che già così la situazione è piuttosto affollata. E come ogni lunedì da tre settimane a questa parte, porto in dono una recensione che spero possa stemperare questo nuovo inizio settimana. Resta anche domani è stato letto in compagnia delle mie piccole fagioline del Club del Libro e, mentre i fagiolini che intendo papparmi a pranzo si cucinano, torno a consigliarvi di nuovo la lettura di questo libro, un piccolo tesoro che non vi ruberà via troppo tempo ma – in cambio – vi darà tantissimo.

Titolo: Resta anche domani
Titolo originale: If I stay (If I stay #1)
Autore: Gayle Forman
Editore: Mondadori
Pagine: 129 (ebook)
Anno: 2009

Giudizio: 5/5

Sinossi Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall’autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall’impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello e il sogno di diventare una grande musicista, l’ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l’amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l’emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani? Continua a leggere


Lascia un commento

#1 Teaser Tuesday

Shame on Living For Books! No, scherzo, al limite shame on me che ho bisogno di impormi scadenze fisse e obiettivi in tutto quello che faccio, se voglio sperare di non perdere pezzi per strada. Come ad esempio l’esame che avrei dovuto dare domani mattina, e che invece è vergognosamente slittato all’8 luglio perché l’ho preso allegramente sotto gamba e non sono capace di organizzarmi.
Le regole del Teaser Tuesday sono semplicissime:

    • Prendi il libro che stai leggendo;
    • Aprilo a una pagina a caso;
    • Condividi un breve spezzone di quella pagina, un “teaser” per l’appunto;
    • Fai attenzione a non scrivere spoilers!

Io al momento di libri ne sto leggendo due, quindi i teaser saranno altrettanti. Buone letture, qualsiasi esse siano!

Quando aveva impostato il suo Inferno, sulla scia di altri già dipinti o descritti, Dante aveva posto come primo peccato capitale la lussuria: Paolo e Francesca erano in quel girone, tra i luoghi più lontani da Lucifero, come a dire che il loro era il peccato meno deprecabile, quello per cui il poeta aveva provato tanta compassione da svenire. Chiara aveva sempre spiegato che Dante si sentiva in colpa nei confronti dei lussuriosi perché, con la sua iniziale adesione allo Stilnovo, sentiva di aver spinto anche lui i lettori verso l’amore extraconiugale. Ora che però si trovava anche lei in presa alla tormenta e al tormento delle sue brame, Chiara iniziava a credere che Dante avesse posto quei peccatori in particolare  all’inizio dell’Inferno solo per usufruire del girone più largo, dal momento che l’oltretomba era fatto ad imbuto e si restringeva scendendo verso il centro della Terra.  Perché la lussuria non era il peccato più leggero,  o più perdonabile. Era solo il più facile in cui cadere.

Credo di aver avuto circa quattro anni, quando i miei genitori si resero conto che lo stavano facendo davvero: stavano crescendo un figlio, anche se non navigavano nell’oro e non avevano un “vero” lavoro. Abitavamo in una bella casa e l’affitto era basso. I vestiti non mi mancavano (anche se erano quelli che mi passavano le mie cugine) e crescevo sana e felice. – Sei stata una specie di esperimento – disse una volta papà. – Un esperimento sorprendentemente riuscito. Ma poteva anche trattarsi di un colpo di fortuna. Dovevamo avere un altro figlio come test di verifica.


2 commenti

#2 WWW wednesday!

Ve lo ricordate, vero? Lo so che l’ho fatto solo una volta, ma insomma, non è poi un meccanismo così difficile… quindi bando alle ciance, che sulla scrivania ho tutta un’altra serie di libri che non solo si aspettano di essere letti, ma hanno la pretesa di essere pure studiati. Il giorno in cui qualcuno mi spiegherà il perché delle indicibile sofferenze cui sono sottoposti gli studenti a inizio estate, ecco, potrebbe essere un grande giorno. Credo. Spero. Non so. Anyway, per amor di cronaca vi informo che questo post è stato editato più di venticinque volte in due giorni e ancora non sono soddisfatta del risultato. Non sono per niente soddisfatta e queste tabelle mi piacciono zero, per dirla tutta. Ma siccome non voglio stare a pensarci troppo su, altrimenti poi finisce che perdo la mattina a fare cose che apparentemente non sono in grado di fare come ad esempio impaginare decentemente un post con più di una immagine, lo pubblico così come è e vi lascio per andare in facoltà, dove mi aspetta una favolosa giornata da spendere facendo cose che decisamente non sono in grado di fare. Buon mercoledì!

What are you currently reading?

Considerata l’imbarazzante quantità di tempo che ci sto mettendo per leggerlo, nonché la facilità con cui mi faccio prendere da altri libri, c’è un’altissima probabilità che questo libro non lo finisca mai.  Amo Martin, ma come tutti quelli che lo amano fondamentalmente lo odio persino di più e il fatto che abbia avuto la faccia tosta di condensare in un solo libro alcuni dei personaggi che più detesto in assoluto di tutta la saga, lasciando esclusi quelli che invece smanio di seguire non gioca a suo favore. Probabilmente gioca a mio favore, visto che – non essendo chiamati in causa – posso custodire la vana speranza che non vengano brutalmente fatti morire con tassi di crudeltà e splatter oltre ogni immaginazione. Ogni riferimento ad Oberyn è decisamente voluto.

Ho letto circa 23 pagine di questo libro e già un paio di cose mi sono chiare. Potrebbe potenzialmente piacermi moltissimo, così come rivelarsi di una banalità spaventosa, ma allo stato attuale è il libro perfetto perché non richiede nessuno sforzo che non sia lo starmene stesa a letto, la sera, o davanti alla colazione, al mattino, e lasciarmi catapultare nello spazio profondo, in viaggio sulla Godspeed verso Terra-Centauri.

Edit: qui potete trovare la recensione completa.

What did you recently finish reading?

Giudizio: 4/5
Come il primo volume della quadrilogia, anche La via di fuga è stato letto con le mie fagiolini del Club del Libro. Ansiogeno, elettrizzante, mai banale – c’è da dire che James Dashner non manca di fantasia e sa spolverare le sue pagine con il giusto miscuglio di terrore e crudeltà che rendono estremamente difficile staccarsi dalla lettura. Purtroppo, però, La Via di fuga non è stato all’altezza de Il Labirinto. Non è strano che i volumi mezzani siano tendenzialmente opere di passaggio, transitori dall’introduzione alla conclusione e per questo meno spettacolari o coinvolgenti, ne questo lo rende automaticamente un brutto libro. Complice forse il periodo estremamente impegnato, forse semplicemente non sono stata io capace di godermelo come avrei voluto.

Giudizio: 5/5
Ecco, questo si che è stato un piacevole intermezzo nello studio: letto in pochissimo tempo, facendo davvero fatica a staccarmi dalle pagine e dai personaggi frizzantissimi che le popolano, Scrivimi ancora mi ha salvata da un fine settimana di tempo non bellissimo e solitudine forzata. L’ho incastrato senza fatica nelle pause studio, me lo sono divorata a colazione e mi ha cullato poco prima che spegnessi la luce la sera, facendomi compagnia con la sua leggerezza. Se dovessi descriverlo in una parola, direi “bollicine”. Consigliato? Decisamente si. Ma attenzione, tutta la narrazione si svolge tramite lettere, email, bigliettini e chat… se non vi piace il genere, lasciate stare!

21841402Giudizio: 4/5
Lo ammetto, pensavo tutt’altro. Mi aspettavo tutt’altro, e l’ambientazione mi ha subito fatta pensare a Le coincidenze dell’amore, della Hoover. Sbagliavo, perché questo libro è molto più profondo di quanto lasci intendere ad una prima occhiata e l’amore è qualcosa che si, si avverte premere per uscire in ogni pagina, ma non è mai pressante. Lo si intuisce sullo sfondo del percorso e della maturazione della protagonista e solo alla fine sboccia, con delicatezza, in un lieto fine che lascia il sorriso sulle labbra. Consigliato a chi ha voglia di lasciarsi stupire dalla straordinaria semplicità della vita.

Beh, davvero vi stupisce questa cosa? Il film è appena uscito – ovviamente non Italia – e io non mi sentivo di affrontare la visione senza essermi inutilmente massacrata a livello emotivo con la lettura del libro prima. Che dire, brava me! Missione compiuta! Adesso lasciatemi qui a morire, nel buio e rannicchiata in posizione fetale. John Green ti odio. Augustus come hai potuto, come hai solo potuto pensare di lasciarci in questo grigio mondo, senza la tua luminosa presenza. Non ricordavo tutte le volte che il padre di Hazel piange, né quanto male faccia leggere il dolore di un papà. Forse era meglio non ricordare. Dio, quanta sofferenza. Quanto mi bruciano gli occhi.

What do you think you’ll read next?

Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall’autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall’impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello e il sogno di diventare una grande musicista, l’ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l’amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l’emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?

Tally è una ragazza normale. Ma essere normali, nel suo mondo, equivale a essere brutti. Brutti solo fino a sedici anni, fino a quando non si è sottoposti per legge a un’operazione di chirurgia estetica che rende bellissimi e uguali a tutti gli altri “perfetti”. Ecco perché Tally non vede l’ora di compiere sedici anni. Ma poco prima del giorno fatidico incontra Shay, che le fa scoprire il brivido dell’imprevisto e il fascino dell’imperfezione e la mette al corrente di un’inquietante versione dei fatti. Tally adesso non vede l’ora di conoscere la verità. E sarà più difficile e pericoloso di un’operazione.

Ma oltre al mio Club del libro, questo mese parteciperò anche ad un Read Along organizzato da Please Another Book: il libro scelto è la versione rivista e corretta di una delle fanfiction che ho più apprezzato, da sempre, della bravissima Mirya, Di carne e di Carta. Sono entusiasta all’idea di prendervi parte, per quanto l’idea di intrufolarmi in un gruppo già collaudato e consolidato mi mette addosso una certa soggezione. Se siete curiosi, vi lascio il banner – basterà cliccarci sopra per arrivare dritti dritti alla pagina dedicata all’iniziativa, quindi… cosa state aspettando? Il libro sarà in promozione gratuita su Amazon questa domenica, perché certe autrici sono persone così meravigliose da fare cose di queste topo, giusto in tempo per l’inizio di questa lettura corale, ma se siete impazienti – e dovreste esserlo! – allora potete già acquistare la vostra copia qui.

 

Leonardo


1 Commento

Il Club del Libro: “Il labirinto”, James Dashner.

Si, lo so, è trascorsa un’imbarazzante quantità di giorni dall’ultimo aggiornamento. Cosa è successo? Fondamentalmente un sacco di cose: si sta concludendo questo primo anno di magistrale e pare che tutti i professori si siano messi d’accordo per impedirmi di godere di queste prime, stupende giornate quasi esistevi. Un lavoro di gruppo qui, un’intervista là, una relazione subito dietro, il primo esame due giorni fa… maggio mi si è schiantato addosso con una velocità spaventosa e di punto in bianco mi son resa conto di tutto quello che è rimasto in sospeso. Come questo blog, coff. Il lato positivo è che tra le mille cose da fare ce ne è stata una che ha reso i miei lunedì qualcosa di diverso dal solito incubo: il Club del Libro. Ogni inizio settimana è stato scandito da nuovi capitoli da leggere e l’immersione, davanti ad una tazza di caffellatte, in un universo che ci ha colpite più di quanto non potessimo immaginare.
Per quel che mi riguarda, prima di lasciare la parola ad alcune delle mie compagne di lettura, è stata un’esperienza bellissima. Non solo per l’aver trovato persone che, come me, amano leggere e non hanno paura di passare il venerdì sera sotto le coperte, con un pigiama con i gufi, a leggere. Persone lette in altre contesti, conosciute per altri motivi, e poi unite un po’ per caso in un piccolo gruppo che spero rimanga a farmi compagnia per molti altri lunedì, con cui squittire o strillare perché non siamo state in grado di diluire i capitoli nel tempo e, puntualmente, il mercoledì siamo state costrette a trovare qualcos’altro da leggere per rispettare le scadenze. Fortuna per noi, abbiamo già una lunga lista di libri in attesa e giusto ieri abbiamo dato il via alla seconda lettura collettiva proprio con il seguito, The scorch trials  – quindi, bando alle ciance, diamo a quello appena concluso lo spazio che merita.

Continua a leggere