Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


Lascia un commento

Recensione: “Per una volta nella vita”, Rainbow Rowell.

Titolo: Per una volta nella vita
Titolo originale: Eleanor&Park
Autore: Rainbow Rowell
Editore: Piemme
Pagine: 349
Anno: 2012

Eleanor è appena arrivata in città. La chioma riccia rosso fuoco e l’abbigliamento improbabile, ha lo sguardo basso di chi, in pasto al mondo, fa fatica a sopravvivere. Park ha tratti orientali che ha preso dalla madre coreana e veste sempre di nero. La musica è il suo rifugio per tenersi fuori dai guai. La loro storia inizia una mattina, sul bus che li porta a scuola. Park è immerso nella lettura dei suoi fumetti e perso tra le note degli Smiths, Eleanor si siede accanto a lui. Nessun altro le ha fatto posto, perché è nuova e parecchio strana. Il loro amore nasce dai silenzi, dagli sguardi lanciati appena l’altro è distratto. E li coglie alla sprovvista, perché nessuno dei due è abituato a essere il centro della vita di qualcuno. Tra insicurezze e paure, Eleanor e Park si scambiano il regalo più grande: amare quello che l’altro odia di sè, perché è esattamente ciò che lo rende speciale. Sarà la loro forza, perché anche se Eleanor non sopporta quegli sfigati di Romeo e Giulietta, anche il loro legame deve fare in conti con un bel po’ di ostacoli, primo fra tutti la famiglia di lei, dove il patrigno tiranneggia incontrastato. Riusciranno, per una volta nella vita, ad avere ciò che desiderano?

Continua a leggere

Annunci


7 commenti

MiniReview: “Gravity”, Melissa West – @I_am_europe edition!

Title: Gravity (The Taking #1)
Author: Melissa West
Publisher: Entangled Teen
Pages: 284
Year: 2012

Seventeen-year-old Ari Alexander just broke that rule and saw the last person she expected hovering above her bed — arrogant Jackson Locke, the most popular boy in her school. She expects instant execution or some kind of freak alien punishment, but instead, Jackson issues a challenge: help him, or everyone on Earth will die.
Ari knows she should report him, but everything about Jackson makes her question what she’s been taught about his kind. And against her instincts, she’s falling for him. But Ari isn’t just any girl, and Jackson wants more than her attention. She’s a military legacy who’s been trained by her father and exposed to war strategies and societal information no one can know — especially an alien spy, like Jackson. Giving Jackson the information he needs will betray her father and her country, but keeping silent will start a war.

Ok. I can do this, I can write a whole review in English and since I’ve read the book in English, it should not be impossible. As many of you already know, I have a thing for dystopian books – and that’s why I’m struggling to write my dissertation about the correlation between them and the risk sociologists think society is going to face (if you read something about it on a paper or an article, please tell me!). However, the reason why I chose this one is different. A few weeks ago, the blog took part of a Book Blizt on Collide, the third book of The Taking Saga: the plot and the teaser that came with the post-kit was so fascinating I felt the urge of reading it. But in order to do it, I had to read the first book… so, I did it. And it was not as good as I expected.

The plot was very simple: Ari is going to be the next military leader in a world where humanity became a sort of living antibodies-pump used by the Ancients. The Ancients, there’s no need to tell you, are aliens. The Earth is a mess after a nuclear war that destroyed pretty much everything, so they arrived from space offering their help in the fixing process in change of human antibodies, needed to survive on the planet. The exchange takes place at night and there’s only one rule to follow: you must not peek. Well, Ari takes a look and finds that her Ancient is one of her school mate, Jackson, a gorgeous boy that should not be on Earth at all since the Ancients are not allowed to attend human schools or even be on the planet without permission. She should report this to her dad, who happens to be the chief of the military system, but she does not. And this is the moment when everything starts to change.

As I mentioned before, the plot is simple and catchy. The whole dystopian scenario works really well, even if the author does not spend so many words on it, and the story goes on with a good rhythm. But there is a moment where everything goes wrong, when Melissa West decides to push on the fast forward button and I get lost. Ari is now engaged with Lawrence, who is in love with Ari’s best friend, but she falls for Jackson so fast I actually asked myself if there were missing pages in my eBook. Yet, there’s not love triangle, because feelings evolve so fast that there isn’t time for drama to grow in a decent way. Furthermore, suddenly neither humans nor alien really want the coexistence to happen, and as a result the readers find themselves in a words maze without a logic escape.

Many people I know loved this book and I can understand them. I don’t know if it was my fault – Was I diverted? Did I not read carefully? I don’t know – or if there was something in the book that was not working very well with me. The plot is fine, the writing was good – for what I can tell, I think I proved you enough the struggle I live every time I have to speak/write a foreign language…! –  and the characters were ok despite some choices they made. I still don’t get how it possible for a girl like Ari to trust a boy she never talked to. She was raised to be a leader, she should understand the importance of rules. This young man was an Ancient who spent his whole life sucking her antibodies in order to survive on a Planet where he was not supposed to live on in that very moment! Why didn’t she reported him? The story could evolve in a different way and still lead to the same conclusion, so why did not Melissa West choose a more coherent evolution?

Overall, the storyline was entertaining and the reading was good; plus it was refreshing to finally read a dystopian book that has the main characters trying to stop a war, rather than trying to fight against the system. I don’t think I will continue with the other books, but I’m glad I gave it a chance.

Special thanks to @_ceciliasaba, who edited the review for me ❤


1 Commento

Recensione: “Città degli angeli caduti”, “Città delle anime perdute”, Cassandra Clare.

Titolo: Città degli angeli caduti (The mortal instruments #4)
Titolo originale: City of fallen angels (The mortal instruments #4)
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 488
Anno: 2011

Giudizio: 3.5/5

Sinossi
La guerra è conclusa e Clary è tornata a New York, intenzionata a diventare una Cacciatrice di demoni a tutti gli effetti. E finalmente può dire al mondo che Jace è il suo ragazzo.
Ma ogni cosa ha un prezzo. C’è qualcuno che si diverte a uccidere gli Shadowhunters, e ciò causa fra Nascosti e Cacciatori tensioni che potrebbero portare a una seconda, sanguinosa guerra. Simon, il migliore amico di Clary, non può aiutarla. Sua madre ha scoperto che è un vampiro e lui non ha più una casa. E come se non bastasse, esce con due ragazze bellissime e pericolose, nessuna delle quali sa dell’altra. Quando anche Jace si allontana senza darle spiegazioni, Clary si trova costretta a penetrare nel cuore di un mistero che teme di svelare fino in fondo: forse è stata lei a mettere in moto la terribile catena di eventi che potrebbe farle perdere tutto ciò che ama. Jace compreso.
Amore. Sangue. Tradimento. Vendetta. La posta in gioco non è mai stata così alta per gli Shadowhunters.

Titolo: Città delle anime perdute (The mortal instruments #5)
Titolo originale: City of lost souls (The mortal instruments #5)
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 549
Anno: 2012

Giudizio: 4/5

Sinossi
Lilith, madre di tutti i demoni, è stata distrutta. Ma quando gli Shadowhunters arrivano a liberare Jace, che lei teneva prigioniero, trovano soltanto sangue e vetri fracassati. E non è scomparso solo il ragazzo che Clary ama, ma anche quello che odia, suo fratello Sebastian, il figlio di Valentine. Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters. La potente magia del Conclave non riesce a localizzare né l’uno né l’altro, ma Jace non può stare lontano da Clary. Quando si ritrovano, però, Clary scopre che il ragazzo non è più la persona di cui si era innamorata: in punto di morte Lilith lo ha legato per sempre a Sebastian, rendendolo un fedele servitore del male. Purtroppo non è possibile uccidere uno senza distruggere anche l’altro. A chi spetterà il compito di preservare il futuro degli Shadowhunters, mentre Clary sprofonda in un’oscura furia che mira a scongiurare a ogni costo la morte di Jace? Amore. Peccato. Salvezza. Morte. Quale prezzo è troppo alto per l’amore? Di chi ci si può fidare, quando peccato e salvezza coincidono? Ma soprattutto: si possono reclamare le anime perdute?

Sarà onesta, recensire le trilogie non mi entusiasma. Non è un caso che in questo blog troviamo o la recensione del primo volume soltanto o solo dei primi due, o un post unico come  per The infernal devices: non ho abbastanza pazienza per mettermi seduta, appena terminato un volume, e recensirlo prima di buttarmi a pesce sul secondo o sul terzo. Proprio non ce la faccia, è più forte di me. Per questo quando ho ripreso in mano The mortal instruments, l’ho fatto con la chiara intenzione di cavarne fuori un unico, glorioso post per un unico, per niente glorioso, lunedì.  Poi è successo che ho finito Città delle anime perdute e ho iniziato Città del Fuoco Celeste: dopo i primi tre capitoli ho realizzato che no, un post solo per tutta la trilogia non sarebbe stato abbastanza. E quindi eccoci qui, a parlare di due libri che fondamentalmente servono ad introdurre il capitolo finale, a tirare le fila, ad ingarbugliare le trame e definire alleanze, ad ammassare all’orizzonte un fronte temporalesco che crepita, saturo di elettricità, aspettando solo il momento in cui esplodere e travolgere tutto e tutti, lasciandosi alle spalle un paesaggio che non sarà più lo stesso. Quindi teniamoci forte, un bel respiro, e via andare!
Che dire, sulla trama? Il discorso, di per sé è molto semplice: qualcosa si agita nell’ombra, qualcosa che non visto manipola e trama per realizzare il primo tassello di un disegno infernale. Nephilim uccisi nei territori di competenza dei Nascosti, Jace che – al solito – decide di sobbarcarsi colpe che non ha e allontana una Clary che pensava di poter vivere una storia d’amore normale almeno per un pochino, Simon costretto a scendere a patti con la propria natura di vampiro e con la sua evidente incapacità di fare ordine in una vita sentimentale straordinariamente affollata, Alec alle prese con il tarlo di un dubbio che lo porta a tramare alle spalle di Magnus, forse meno glitterato ma molto meglio riuscito del suo fidanzato, Isabelle, fiera e bellissima, vera protagonista di questi due romanzi, Camille Delancourt che riappare – splendida e ingannevole – direttamente da The Infernal Devices, una misteriosa setta che adora la madre di tutti gli stregoni, Lilith, e il figlio prediletto di quest’ultima, Sebastian, che ritorna alla morte per riequilibrare ciò che Clary ha scombinato, riportando in vita Jace. Questo, in soldoni, è quello che accade in Città degli angeli caduti. Città delle anime perdute, fortunatamente, ci riserva un minimo in più di pepe, perché Jace non è più Jace un burattino a forma di Jace che agisce, pensa e respira in funzione dei desideri di Sebastian, che è ritornato dalla morte ed è la cosa più meravigliosa che la Clare potesse mai regalarci, l’unico personaggio fondamentalmente degno di nota in una palude di immaturità e stupidità esagerata. Perché Clary, sconvolta oltre ogni immaginazione, sceglie consapevolmente di consegnarsi a Sebastian per salvare Jace, facendo affidamento unicamente su due anelli delle fate che avrebbe dovuto consegnare alla (per niente) affidabile Regina Seelie. Sullo sfondo si agitano Isabelle, irrequieta e chiusa in se stessa al limite dell’ostilità, Alec, che si comporta come fosse un bambinetto di cinque anni e Simon, che non ha più niente a che spartire con il Simon della prima trilogia, assieme ai neo arrivati Maia e Jordan che, lo ammetto, in più di un momento ho ritenuto essere più interessanti del trio protagonista.
Sembra essere una malattia diffusa, tra i personaggi della Clare, la stupidosi: nella piena convinzione di aver trovato la soluzione più intelligente ai problemi che si presentano davanti a loro, la loro soluzione è sempre e comunque quella più idiota che una persona possa elaborare. Non contenti, si gettano pure capofitto in situazioni che di fatto non confermano la loro tempra morale, il coraggio o la forza che ci aspetta dagli eroi della Guerra Mortale quanto piuttosto uno stadio di malattia piuttosto avanzato. E questo vale principalmente per Clary e Alec che, a conti fatti, sono stati una delusione piuttosto grossa da digerire.
Vorrei dire che le vicende amorose sono il perno dei due libri, ma non è così. Il motivo per cui questi due libri mi son piaciuti tanto nonostante le vicende amorose nel complesso infantili, fragili e a tratti persino fastidiose (come è giusto che siano, però, i primi grandi amori, e mi chiedo se non fosse questo l’intento della Clare) è il disegno più ampio che tratteggiano e portano avanti pazientemente, pagina dopo pagine, a discapito dalla stupidosi acuta dei personaggi principali. È l’orizzonte più ampio, quello di cui ho accennato in apertura della recensione, dove piano piano si iniziano a raggrumare i famigerati nuvoloni neri dell’inevitabile nuova guerra. Una guerra terribile, che qua s’intuisce appena e che delinea due schieramenti inaspettati e terrificanti, una contrapposizione assoluta che rasenta la guerra civile e che al tempo stesso non lo è. Il mondo degli Shadowhunters è un mondo bellissimo, in cui ci si immerge sempre con piacere, ma che di fatto stenta un po’ nel quarto volume nella saga e si riprende discretamente nel quinto. Richiede pazienza, e un briciolo di perseveranza, promettendo in cambio un capitolo conclusivo che davvero, se non si rivelerà all’altezza delle aspettative, mi vedrà prendere un aereo e andare a protestare dalla Clare in persona.
Ho trovato magistrale la solidità dell’idea alla base, scandita per punti – il ritorno di Sebastian prima e la redenzione di Jace, posseduto tanto dall’oscurità quanto dalla luce del paradiso, poi, la creazione di una Coppa Infernale e la nascita di una stirpe di Ottenebrati – in una contrapposizione di chiaro scuri violenti, senza sfumature di grigio nel mezzo e sostenuta da un’architrave di sentimenti altrettanto intensi, nel bene e nel male, e dalla costante assolutamente perfetta del cattivo per eccellenza, Sebastian. Mi rendo conto di essere ripetitiva, su questo personaggio, ma non riesco a farne a meno. Per citare due commenti stupendi che mi sono stati lasciati la settimana scorsa e chiudere la parentesi almeno fino alla recensione di Città del Fuoco Celeste, Sebastian

E’ complesso, così complesso da essere completo, da non poter essere odiato, è molto più umano di quanto lo sia Jace: nessuno di noi nella vita vera è un eroe come un Herondale, è più facile che sia spaventato o egoista come un Morgenstern; in Sebastian trovi tutti i buchi che gli hanno scavato dentro, da Valentine, a Lilith, passando per Jocelyn che l’ha lasciato e arrivando a Clary che non lo vuole, nonostante lui faccia tutto per lei, per stare con lei. Nessuno nega che sia un personaggio malato, controverso, pericoloso, ma gli va concesso l’essere più profondo di una pozzanghera, a contrario di altri. — Alessia

Perché Sebastian non è tutto ombre ed è pieno di sfaccettature che, se da una parte spaventano per la perversità che lo spinge ad agire, dall’altra commuovono e spingono alla compassione, se non talvolta alla comprensione.
Amo visceralmente Jace, ma non si può riconoscere che è Sebastian/Jonathan il personaggio della Clare (di entrambe le serie) più riuscito. — Cecilia, di Se solo sapessi dire.

Sebastian, di fatto, è un valido argomento (cit.) per leggere questa trilogia. Assieme ad Isabelle, che vediamo emergere a colpi di frusta dall’ombra dei personaggi secondari, è la prova di quanto Cassandra Clare sia stata capace di maturare come autrice e di quanto si sia impegnata nello scrivere e nel migliorare questa saga. Laddove Clary e Jace hanno quasi il sapore dolce amaro dei piacevolissimi cliché da amore tormentato e avversato dalle stelle, laddove Alec proprio non si capisce cosa gli sia preso e Simon si rivela essere un inaspettato e non troppo – da me – apprezzato eroe della situazione, ecco che l’insperato arriva dove proprio non si pensa di andare a cercare. E cosa c’è di meglio di un bellissimo cattivo che, con la determinazione di un segugio, insegue i propri obiettivi senza guardare in faccia nessuno? Cosa c’è di meglio di una splendida eroina che rivela i perché della corazza che indossa quotidianamente con tanta determinazione, per proteggersi dal dolore che le persone potrebbero causarle e che già ha patito proprio a causa di chi avrebbe dovuto semplicemente amarla e proteggerla?
Ripeto, ci sono alti e bassi in questi libri. Ma nel complesso la storia che raccontano è molto bella, molto ben gestita e sopra ogni altra cosa ben pensata – non si può negare. Se a leggere Città degli angeli caduti è legittimo pensare si tratti di un ennesimo modo per portare avanti un fenomeno sulla cresta dell’onda, Città delle anime perdute mette bene in chiaro che c’è molto di più dietro che non una ricerca di guadagno studiata a tavolino – e in una certa misura i riferimenti a The Infernal Devices sono la conferma di questo tentativo di creare un universo completo, che scorre fluidamente tra passato e futuro. Un po’ come sta accadendo tra i vari film della Marvel, dove i riferimenti sono continui e si incastrano senza fatica tra loro. Voglio dire, persino mio padre sta terminando di leggere la saga! Certo, non apprezza troppo i risvolti sentimentali, ma non è neppure il tipo di lettore che finisce di leggere qualcosa per principio. Al contrario, se qualcosa non gli piace lascia perdere e basta: se sta portando avanti questa lettura, evidentemente qualcosa che piace c’è. Quindi fidatevi di lui, perché io è evidente che ho per la testa mille cose da dire e che non so dar loro una struttura coerente.
Consigliati entrambi, ma con le dovute precauzioni: il bello deve ancora arrivare!


1 Commento

Recensione: “Across the universe”, Beth Revis

Non voglio sbilanciarmi troppo, ma potrei quasi azzardarmi a dire che questo lunedì è iniziato bene. Quindi, tanto vale fare in modo di portarlo avanti alla stessa maniera, raggiungendo gli obiettivi che mi sono prefissata ieri sera mentre fissavo il soffitto e ascoltavo il temporale fuori dalla finestra aperta. Nuova settimana, nuovi libri da leggere… prosegue il #PABLeoRA organizzato da Please another book e con le mie fagioline del Club del Libro ci apprestiamo ad immergerci nello scenario distopico di Uglies.
Ormai mancano solo due settimane alle tanto agognate vacanze estive e devo trattenermi dal passare le ore a fantasticare su quando, finalmente, mi troverò in riva ad un lago in compagnia del mio fedele Kobo e della mia pelosa preferita. Non vedo l’ora, davvero. Voi, invece? Silenziosi lettori di questo blog, voi progettate viaggio? Vi siete riservati letture speciali, a cui dedicare tempo e attenzioni?

Titolo: Across the universe (#1)
Titolo originale: Across the universe
Autore: Beth Revis
Editore: Piemme
Pagine: 420
Anno: 2012

Giudizio: 4/5

Sinossi
Amy è una passeggera ibernata sulla navicella spaziale Godspeed. Ha lasciato il suo ragazzo e gli amici sulla Terra ed è partita con i genitori come membro del Progetto Arca Spaziale: si risveglieranno dopo trecento anni su un nuovo pianeta da colonizzare, Centauri. Ma qualcosa è andato storto: qualcuno ha cercato di ucciderla, risvegliandola senza cautele dal suo sonno protetto. E così Amy si ritrova a dover passare senza la sua famiglia ancora cinquant’anni sull’enorme navicella spaziale che sta perdendo velocità, in balia di sconosciuti tra cui si nasconde un assassino che vuole scongelare tutti gli scienziati a bordo, compresi i suoi genitori. L’unico che sembra dalla sua parte è Elder, un ragazzo che presto diventerà il capo della navicella spaziale, e che per quanto sia potentemente attratto dalla sua singolare bellezza, cerca di proteggerla dal resto della comunità e dallo strapotere di Eldest, il capo. Ma Amy può davvero fidarsi di Elder? E quello che prova per lui la aiuterà, o sarà solo un ostacolo alla sua sopravvivenza sulla Godspeed?

Continua a leggere


1 Commento

Recensione: “Obsidian”, Jennifer L. Armentrout.

Diciamo che ufficialmente sto studiando, visto che dopodomani ho un esame. Diciamo che non ho passato il fine settimana a fare altro, diciamo che l’ansia non mi divora, diciamo che non ho appena salutato i miei genitori e la mia palla di pelo nota al secolo come Kora. Diciamo, insomma, che posso stare qui e permettermi di scrivere una recensione. Diciamo, ok? Ok.

Titolo: Obsidian (Lux #1)
Titolo originale: Obsidian (Lux #1)
Autore: Jennifer L. Armentrout
Editore: Giunti
Pagine: 336
Anno: 2012

Giudizio: 4/5

Sinossi
Kathy è una blogger diciassettenne con un grande sense of humour, si è appena trasferita in un paesino soporifero del West Virginia, rassegnandosi a una noiosa vita di provincia, noiosa finché non incrocia gli occhi verdissimi e il fisico da urlo del suo giovane vicino di casa. Daemon Black è la quintessenza della perfezione. Poi quell’incredibile visione apre bocca: arrogante, insopportabile, testardo e antipatico. Fra i due è odio a prima vista. Ma mentre subiscono un’inspiegabile aggressione, Daemon difende Kathy bloccando il tempo con un flusso sprigionato dalle sue mani. Sì, il ragazzo della porta accanto è un alieno. Un alieno bellissimo invischiato in una faida galattica, e ora anche Kathy, senza volerlo, c’è dentro fino al collo. Salvandola, l’ha marchiata con un’aura di energia riconoscibile dai nemici che li hanno aggrediti per rubare i poteri di Daemon. L’unico modo per attenuare questo pericoloso marchio è che Kathy stia più vicina possibile a Daemon. Sempre che lei non lo uccida prima… Continua a leggere


3 commenti

Recensione: Trilogia “Le origini”, Cassandra Clare.

A Federica, che l’ha aspettata per mesi.

Titolo: L’angelo
Titolo originale: Clockwork angel
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 474
Anno:  2011

Giudizio: 3.5/5

Sinossi
Tessa Gray, orfana sedicenne, lascia New York dopo la morte della zia con cui viveva e raggiunge il fratello ventenne Nate, a Londra. Unico ricordo della vita precedente, una catenina con un piccolo angelo dotato di meccanismo a molla, appartenuto alla madre. Quando il fratello maggiore scompare all’improvviso, le ricerche portano la ragazza nel pericoloso mondo sovrannaturale della Londra vittoriana. Sarà rapita, ingannata, sfruttata per la sua straordinaria capacità di trasformarsi e assumere l’aspetto di altre persone. La salveranno due Shadowhunters, Will e Jem, destinati a combattere i demoni, nonché a mantenere l’equilibrio tra i Nascosti e fra questi e gli umani. Tessa sarà costretta a fidarsi. Si unirà a loro nella lotta contro i demoni per poter imparare a controllare i propri poteri e riuscire finalmente a trovare Nate. Ma tutto ciò la porterà al cuore di un arcano complotto che minaccia di distruggere gli Shadowhunters, e le farà scoprire che l’amore può essere la magia più pericolosa di tutte.

Titolo: Il principe
Titolo originale: Clockwork prince
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 495
Anno:  2012

Giudizio: 3/5

Sinossi
In una Londra vittoriana fosca e inquietante, e nel suo magico mondo nascosto, Tessa Gray crede di avere finalmente trovato tranquillità e sicurezza con gli Shadowhunters, i cacciatori di demoni, che proteggono lei e il suo terribile potere dalle mire del perfido Mortmain. Ma con lui e il suo esercito di automi ancora in azione, il Consiglio vuole spodestare Charlotte Fairchild, per affidare il comando a Benedict Lightwood, uomo senza scrupoli e affamato di potere. Nella speranza di salvare Charlotte, Will, Jem e Tessa decidono di svelare i segreti del passato di Mortmain e scoprono sconvolgenti legami fra gli Shadowhunters e la chiave del mistero dell’identità di Tessa. La ragazza, intrappolata nei sentimenti che prova per Will e Jem, si trova a dover compiere una scelta cruciale quando scopre in che modo gli Shadowhunters abbiano contribuito a fare di lei “un mostro”. Sconvolta, Tessa è tentata di schierarsi con il fratello Nate dalla parte di Mortmain. Ma a chi è davvero fedele? E chi ama, nel profondo del suo cuore? Soltanto lei può scegliere se salvare gli Shadowhunters di Londra oppure distruggerli per sempre.

Titolo: La principessa
Titolo originale: Clockwork princess
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 553
Anno:  2013

Giudizio: 3.5/5

Sinossi
Una rete d’ombra si stringe sempre di più intorno agli Shadowhunters dell’Istituto di Londra. Mortmain progetta di usare un esercito di automi spietati per distruggere una volta per tutte i Cacciatori. Gli manca un solo elemento per completare l’opera: Tessa Gray. Intanto, Charlotte Branwell, capo dell’Istituto, cerca disperatamente di trovarlo per impedirgli di scatenare l’attacco. E quando Mortmain rapisce Tessa, Will e Jem, i ragazzi che ambiscono alla conquista del suo cuore, fanno di tutto per salvarla. Perché anche se Tessa e Jem sono fidanzati ufficialmente, Will è ancora innamorato di lei, ora più che mai. Tuttavia, mentre chi le vuole bene unisce le forze per strapparla alla perfidia di Mortmain, Tessa si rende conto che l’unica persona in grado di salvarla dal male è lei stessa. Ma come può una sola ragazza, per quanto capace di comandare il potere degli angeli, affrontare un intero esercito? Pericoli e tradimenti, segreti e magia, oltre ai fili sempre più ingarbugliati dell’amore e dell’abbandono si legano e si confondono mentre gli Shadowhunters vengono spinti sull’orlo del precipizio, in un finale che lascia con il fiato mozzo.

Continua a leggere


Lascia un commento

Recensione: “Amore zucchero e cannella”, Amy Bratley.

Allora, siamo sopravvissuti al primo round di festeggiamenti? Si dai, Natale alla fine è solo una prova di resistenza misurata in un numero considerevole di abbuffate…! Non oso salire su una bilancia perché no, ma devo dire che non è stato catastrofico come temevo. Quello che invece mi sta portando via più tempo del previsto è lo studio, motivo per cui è un bel po’ che non escono nuove recensioni. Non è che non stia leggendo, anzi… purtroppo si tratta di testi di tutt’altro genere, che non sarei affatto in grado di recensire. Ma la sessione finisce, prima o poi. Motivo per cui vi lascio con la promessa di non lasciar morire questo blog e un augurio di felice fine e meraviglioso inizio!
All’anno prossimo, letteralmente.

amore-zucchero-e-cannella1Titolo: Amore zucchero e cannella
Titolo originale: The Girls’ Guide To Homemaking
Autore: Amy Bratley
Editore: Newton Compton
Pagine: 347
Anno: 2012

Giudizio: 3/5

Sinossi
Juliet aspetta da una vita questo momento. Finalmente una casa da dividere con Simon, un vero e proprio nido d’amore pieno di piante di cui prendersi cura e invaso da profumi di torte appena sfornate. Ma il sogno è destinato a svanire: la prima notte nel nuovo appartamento, Juliet scopre che Simon l’ha tradita con la sua migliore amica. Il suo cuore è a pezzi, il dolore insopportabile, quella casa tanto desiderata d’improvviso è ostile. Niente pare esserle d’aiuto. Finché un giorno, rovistando tra le scatole ancora da aprire, Juliet s’imbatte nei vecchi libri della dolce nonna Violet, con cui è cresciuta dopo che la madre l’ha abbandonata. In quelle pagine ingiallite, ricche di preziosi consigli e piene di appunti, Juliet sembra trovare il conforto di cui è in cerca: forse lì c’è quel che serve per tornare ad amare la sua nuova casa e a curarla come avrebbe fatto un tempo sua nonna, ricette segrete per dimenticare ai fornelli chi l’ha fatta soffrire, o tanti modelli di carta che attendono solo le sue mani, per trasformarsi in splendidi foulard, copricuscini, grembiuli pieni di pizzi. Ma un giorno, nascosta tra quelle pagine degli anni Sessanta, Juliet trova una lettera. Una lettera che parla di qualcuno di cui lei ignorava l’esistenza… Il passato sembra riaffiorare e portare con sé un alone di mistero. E se riviverlo fosse l’unico modo per ritrovare se stessa e lasciarsi andare a un nuovo amore? Continua a leggere