Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


1 Commento

Recensione: “Prima del futuro”, Jay Usher e Carolyn Mackler.

Oh ragazzi, io ci ho provato a formattare decentemente questo post, è la sesta volta che cerco di inserire una linea di separazione tra la sinossi e la mia recensione, ma a quanto pare WordPress ha deciso che no, questa cosa non s’ha da fare. Uffa. Torno a studiare, consapevole che comunque non riuscirò a combinare un tubo, succube come sono delle mie manie di perfezionismo nell’impaginazione di qualsiasi cosa. Appunti compresi.
Prima del futuroTitolo: Prima del futuro
Titolo originale: The future of us
Autori: Jay Asher, Carolyn Mackler
Editore: Giunti Y
Pagine: 397
Anno: 2012
Giudizio: 2/5
Sinossi
È il 1996, la velocità della connessione arranca rumorosamente a 56kb, la rete è quasi vuota, è ancora uno strumento per pochi, una sorta di nuova stregoneria tecnologica. Josh e Emma si conoscono fin da quando erano piccoli, sono sempre stati amici inseparabili, poi Josh ha tentato di baciare Emma e le cose si sono complicate. È parecchio tempo che non si vedono, il giorno in cui Josh suona il campanello di casa della ragazza e le porge imbarazzato un cd­rom di America on line. È arrivato come omaggio per posta, ma loro non hanno il computer. Emma invece ha un fiammante pc con Windows 95, ma non ha internet. Quando Emma riesce finalmente a connettersi, accade qualcosa di inspiegabile. Per una strana alterazione nella barriera spazio­temporale appare sullo schermo una misteriosa pagina bianca e blu con una scritta sconosciuta: facebook. C’è la foto di una donna sui trent’anni con un volto familiare, troppo familiare. C’è il suo nome, Emma Nelson e la sua stessa data di nascita. Si è aperto un pericolosissimo portale sul futuro in grado di cambiare, in un’indimenticabile settimana di delirio, il presente, i sentimenti e il destino di Josh e Emma.
Annunci