Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


3 commenti

2015 bucket list & 2014 best readings

Buon 2015, bestioline!
Che questo nuovo anno vi porti tante emozioni, tante sorprese e, soprattutto, tantissimi libri da leggere e amare assieme. Come potete immaginare dalla premessa, questo post è sostanzialmente un recap di quest’ultimo anno da blogger in cui cercherò di buttar dentro tutto quello che le blogger serie e competenti hanno fatto con ampio anticipo e in più post. Perché l’organizzazione è qualcosa che non conosco troppo bene, ma soprattutto ho esaurito tutta la mia capacità di argomentazione – il tempo libero – su di una tesina che mi sta facendo diventare scema. Nonostante questo mia patologica incapacità, nel 2014 siamo cresciuti moltissimo e i numeri parlano chiaro: tra WordPress e Facebook siamo più di 100 e a volte faccio fatica a credere di essere la depositaria di tanta fiducia.
Grazie, a voi che mi leggete. Grazie a chi trova il tempo di dedicarmi un like o un commento, grazie a condivide, grazie a chi non è assolutamente d’accordo su qualcosa che dico, grazie a chi invece si rispecchia nelle mie parole. Una blogger, senza lettori, è un po’ come una persona che parla da sola: inutile negare che date un senso alla fatica che è, a volte, scrivere una recensione o trovare qualcosa di divertente da dire su un paperboy. Un grazie è quanto mai doveroso anche alle mie cucciole preferite del Club del Libro, che hanno migliorato taaaanti lunedì – ragazze, sogno il giorno in cui ci troveremo tutte assieme nello stesso posto, davanti a una tazza di thé, a parlare delle nostre letture -, alle ragazze del #blogmas, a Cee per un’infinità di motivi che esulano dai libri e dai blog – in primis perché ogni volta che vado a Firenze viene ad abbuffarsi con me al Mostodolce -, ad Annachiara – che è un po’ la mia blogmadrina -, alle autrici che hanno avuto così tanta fiducia in me da affidarmi le loro creature – Mirya, Alessia Esse, Giulia Dell’Uomo e Chiara Parenti! – e a quelle che, come Denise Groover Swank, mi hanno fatto la grazia di leggere le mie recensioni nonostante fossero scritte in una lingua che non è la loro. Grazie anche alla mia banda dei limoni e al mio coinquilino, che sopportano i miei sprazzi schizofrenici di entusiasmo con infinita pazienza e discrezione; e al solito #moroso che “non leggo libri, tanto poi me li racconti tu“.
Sicuramente ho dimenticato qualcuno (tipo la zumpi, compagna di fangirlate moleste since 2009 – ho controllato la data! -), ma insomma… spero possiate perdonarmi la dimenticanza e che sappiate che avete tutta la mia gratitudine e che non sono parole dette per dire. 

NEW YEAR RESOLUTION;
LEGGERE – sembra stupido, ma a ben pensarci non è così scontato trovare ogni giorno tutti i giorni il tempo necessario per incastrare, tra i mille impegni, qualche minuto prezioso per sfogliare un buon libro.
PIANIFICARE – il blog è un impegno non indifferente, e chi ne gestisce uno lo sa meglio di me. Ci sono post da scrivere, rubriche da seguire, informazioni da raccogliere e, per quanto ChiaraLeggeTroppo non brillo soprattutto per originalità di rubriche, anche per buttare giù un paio di stupidaggini su un paperboy o pubblicare un teaser serve più tempo di quel che si creda. E al di là del tempo materiale necessario alla scrittura in sé, bisogna sapere COSA effettivamente scrivere. Per questo motivo ho deciso di dedicare un’agenda al blog, dove appuntarmi idee, spunti e soprattutto organizzare tutto il lavoro che si nasconde dietro questo angolo di web.
RESTARE IN PARI CON LE RECENSIONI – senza perderne tantissime per la foga di iniziare un libro nuovo, e recuperare almeno quelle dei libri che mi sono particolarmente piaciuti;
LEGGERE IN LINGUA – dei cento libri che spero di leggere nel 2015, vorrei che almeno cinque fossero in lingua. Considerata la quantità esorbitante di autori che non vengono tradotti e che voglio conoscere, non dovrebbe essere troppo difficile…!
DIVERTIRMI – tendo a dimenticare, ogni tanto, che questo blog non è il mio lavoro. Questo mi porta a colpevolizzarmi eccessivamente quando manco uno o più appuntamenti, quando invece non dovrebbe essere così: lo faccio perché mi piace, non perché devo. Sono una studentessa, laureanda, e ho davanti a me un tirocinio che non so ancora quanto tempo mi porterà via. E al di là di questo ho degli impegni, altre cose, ed è giusto che non vengano sacrificate. E poi, diciamolo, capita di non avere voglia. Sono un essere umano, alla fine.  Continua a leggere

Annunci


1 Commento

2015 Reading Challenge

Organizzata da
Ilaria di Airals Books

2015 READING CHALLENGE “HOW TO”

– Dove iscriversi: Facebook
– Qui trovate aggiornamenti e suggerimenti;
– L’ordine di lettura è casuale: potete scegliere di affrontare la lista come più preferite, il fatto che siano riportati dei numeri non ha nulla a che vedere su quale libro vada letto prima degli altri. L’importante è non andare fuori tema;
– La challenge termina il 31 dicembre 2015;
– Non è obbligatorio spuntare ogni singola voce dall’elenco! Non lasciatevi impressionare dal numero di letture richieste, se non vi dovesse riuscire di terminarle who cares? L’importante è che vi siate divertiti a leggere quelle che avete spuntato;

READING LIST

1. Un libro con più di 500 pagine
2. Una romance classica
3. Un libro che è diventato un film
4. Un libro pubblicato quest’anno
5. Un libro con un numero nel titolo
6. Un libro scritto da qualcuno con meno di 30 anni
7. Un libro con personaggi non umani
8. Un libro divertente
9. Un libro scritto da un autore donna
10. Un mystery o thriller
11. Un libro con un titolo formato da una sola parola
12. Un libro di racconti
13. Un libro ambientato in un paese diverso
14. Un libro di nonfiction
15. Il primo libro di un autore popolare
16. Un libro di un autore che ami e che non hai ancora letto
17. Un libro raccomandato da un amico
18. Un libro che ha vinto il Premio Pulitzer
19. Un libro basato su una storia vera
20. Un libro in fondo alla lista dei libri da leggere
21. Un libro che ama tua madre
22. Un libro che ti spaventa
23. Un libro che ha più di 100 anni
24. Un libro interamente basato sulla sua cover
25. Un libro che avresti dovuto leggere a scuola ma non lo hai fatto
26. Un libro di memorie
27. Un libro che puoi finire in un giorno
28. Un libro con antitesi nel titolo
29.Un libro ambientato in un luogo che hai sempre voluto visitare
30. Un libro pubblicato nell’anno in cui sei nato
31. Un libro con recensioni negative
32. Una trilogia
33. Un libro dalla tua infanzia
34. Un libro con un triangolo amoroso
35. Un libro ambientato nel futuro
36. Un libro ambientato  al liceo
37. Un libro con un colore nel titolo
38. Un libro che ti ha fatto piangere
39. Un libro con la magia
40. Una graphic novel
41. Un libro di un autore che non hai mai letto prima
42. Un libro che possiedi ma non hai mai letto
43. Un libro ambientato nella tua città natale
44. Un libro che era originariamente scritto in una lingua diversa
45. Un libro ambientato a Natale
46. Un libro scritto da un autore con le tue stesse iniziali
47. Un’opera teatrale
48. Un libro bandito o censurato (qui una lista di libri da cui pescare)
49. Un libro basato o trasformato in uno show televisivo
50. Un libro che hai iniziato ma non hai mai finito


4 commenti

The age of YA Challenge

con ChiaraLeggeTroppo, Se solo sapessi direPlease Another Book e Coffee and Books

Epic Read knows how to.
Si tratti di video divertentissimi, di meravigliare su instagram o organizzare challenge tostissime potete stare tranquilli: non rimarrete delusi. Assieme alle mie balde compari, Cee e Annachiara, ho deciso di affrontare The Age of YA, complice il genere dei libri chiamati in causa e una buona dose di masochismo.
In realtà dubito seriamente di riuscire a leggere tutti questi libri, non so neanche da che parte girarmi per recuperarli, ma l’obiettivo – oltre che a divertirmi un sacco – è quello di leggerne almeno uno per periodo storico. Continua a leggere