Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


Lascia un commento

#1 Nuovo sugli scaffali

Andiamo con ordine: non è una rubrica nuova, gli spotlight sono qualcosa che faccio da un po’ di tempo senza mai essere pienamente convinta dal titolo della rubrica. Lo so, lo so: non è qualcosa per cui una persona sana di mente si preoccuperebbe troppo, ma va da sé che nessuno di noi è pienamente a bolla e io non faccio eccezione alla regola, così oggi, finito di lavorare, mentre la vaporiera mi cucinava il pranzo (salmone e cavolini di Bruxelles, GNAM), ho preso la decisione di cambiare titolo e inserire anche qui la numerazione. No, non serve dire nulla, lo so da me che non è normale, quindi andiamo oltre e arriviamo alla carrellata di nuove uscite targate DeAgostini.

ogni tuo silenzio

Titolo: Ogni tuo silenzio
Autore: Laura Mercuri
Editore: BookMe

In vendita dall’8 settembre 2015

Un’ irresistibile storia d’amore da mesi in testa alle classifiche di Kindle Store.

Emilia, 26 anni, arriva a Bren dall’Abruzzo, con un vecchio trolley scozzese e pochi soldi in tasca. In quel paesino da cartolina arrampicato tra le montagne di un Nord sconosciuto, cerca l’occasione per lasciarsi alle spalle il passato e ricominciare. Ma è l’amore che trova, quando il suo sguardo curioso si posa per la prima volta sul corpo alto e sottile di Aris, sugli occhi azzurrissimi, sui capelli biondi e ribelli. Aris è il falegname del paese, conduce una vita in sordina, appartata e un po’ misteriosa, ma i suoi silenzi nascondono torrenti di emozioni e tra le sue dita forti e nervose il legno assume forme perfette, sensuali. Lentamente, Emilia e Aris si abbandonano a un’attrazione profonda, che li consuma e li completa con la stessa dolce furia. Ma qualcosa o qualcuno nel loro passato lotta per riacciuffarli, mentre nuovi ostacoli sorgono a minacciare la loro felicità. Saprà il loro legame superare le menzogne e i tradimenti, vincere l’invidia e guarire la solitudine? Con un linguaggio semplice e schietto, Laura Mercuri racconta luci e ombre dell’animo umano in una favola moderna destinata a lasciare il segno nel cuore di ogni lettore.

Laura Mercuri è nata a Roma nel 1970. Fa la psicoterapeuta e scrive racconti per una rivista femminile. Vive sul litorale laziale, non lontano da Roma, con il figlio e il marito.

Titolo: La ragazza che ti amò due volte
Autore: Joanna Bernard
Editore: BookMe

In vendita dal 15 settembre 2015

Un incontro fugace al supermercato e Fiona Palmer si ritrova di colpo con il cuore in subbuglio. Perché il tipo che le viene incontro con un sorriso, senza traccia di fede al dito e con il cestino mezzo vuoto da single incallito, altri non è che Henry Morgan. Il professor Morgan, l’uomo che quindici anni fa, tra i banchi del liceo, ha fatto di lei una studentessa precoce in ogni senso, regalandole il brivido di una seduzione proibita. E ancora oggi Fiona non può fare a meno di chiedersi se quella antica e bruciante avventura non fosse in realtà il Grande Amore, lo stesso che lei, legata senza troppo entusiasmo all’affidabile Dave, in fondo non ha mai smesso di cercare. Qualche bicchiere di vino e una cena in nome dei vecchi tempi: è quanto basta a riaccendere il fuoco di una passione che, questa volta, non ammette ipocrisie né mezze misure. Ma nel gioco di sovrapposizione e rimandi tra passato e presente, qualcosa non torna. E se le cose tra Fiona e il professore non fossero andate come lei ha sempre creduto? Appassionante e controverso La ragazza che ti amò due volte è un thriller dei sentimenti, un’indagine coraggiosa tra luci e ombre di una storia troppo sincera e implacabile per non essere vera.

Joanna Barnard è stata insegnante di letteratura inglese. Vive nel sud dell’Inghilterra e si dedica alla scrittura a tempo pieno.

Annunci


4 commenti

#1 Nuovo sugli scaffali

Edit: questo post avrebbe dovuto finire online ieri pomeriggio, cosa che non è accaduta perché la programmazione di WordPress funziona solo quando vuole lei. Non sto a modificarlo, ma ci tengo a farvi sapere che non sono ancora in treno. Buon giovedì!


Buon giorno bestioline mie!
Mentre mi leggete sono in viaggio verso casa, di nuovo, dopo una rapidissima toccata e fuga in quel di Forlì. Mentre spero siate in un posto molto più bello e più fresco del vagone di un regionale veloce, vi lascio con qualche gustosa anticipazione delle nuove DeAgostini, programmate per quel di settembre quando, freschi freschi di vacanze, avremo bisogno di un validissimo sostegno per tornare alla solita routine universitaria/scolastica e, nel mio caso, lavorativa (!!!!). E ormai lo sapete, niente di meglio di un buon libro per tirarsi su quando l’abbronzatura inizia a sbiadire e l’aria a farsi più frizzante…!

liv, forever

Titolo: Liv, forever
Titolo originale: Liv, forever
Autore: Amy Talkington
Editore: DeAgostini Young Adult
Pagine: 280
Data di pubblicazione: 1 settembre 2015

Liv Bloom è ossessionata dall’arte. Ecco perché, quando vince una borsa di studio per la prestigiosa accademia di Wichkam Hall, è al settimo cielo. Ora ha finalmente tutto ciò che ha sempre desiderato. Compreso Malcolm, il ragazzo d’oro della scuola. Ma quello che Liv non sa è che tradizioni secolari e crudeli abitano i tetri corridoi di Wickham Hall. E che lei potrebbe essere la prossima, innocente vittima in una lunga scia di sangue…

“Liv, forever terrorizza e affascina allo stesso tempo. Una lettura indimenticabile.
— E. 
Lockhart

Una sorprendente ghost story. Romantica come Ghost e spaventosa come Il Sesto Senso.
Un colpo di scena inaspettato, una voce narrante memorabile e inquietante come quella di Amabili Resti.

[ € 14,90 ]

prendimi per manoTitolo: Prendimi per mano
Titolo originale: The year we fell down (The Ivy Years #1)
Autore: Sarina Bowen
Editore: DeAgostini Young Adult
Pagine: 268
Data di pubblicazione: 1 settembre

Corey Callahan non avrebbe mai immaginato di iniziare il college su una sedia a rotelle. È bastato un attimo, un maledetto attimo, per infrangere i sogni di una vita e rovinare una promettente carriera sportiva. Corey è convinta che nessuno al mondo possa capire come si senta. Nessuno tranne Adam, il ragazzo che abita nell’appartamento di fronte al suo. Adam è bello, simpatico, premuroso. E non gioca più a hockey a causa di un grave infortunio. Insieme a lui, Corey riesce a essere di nuovo felice. Ma c’è un piccolo problema: Adam è fidanzato. Con una ragazza assolutamente perfetta.

“Un romanzo che ho adorato.”
— Colleen Hoover

“Fantastico. Uno dei migliori new adult che io abbia mai letto.”
— Tammara Webber

Una storia d’amore impossibile e di seconde occasioni. Perfetta per le lettrici che hanno amato i romanzi di Jamie McGuire e Jessica Sorensen.

[ € 14,90 ]


Niente male, veh?
Per quanto l’autunno bussi sempre alle porte dell’estate troppo presto e con troppa foga, non è male sapere di poter affrontare tutto quello che si trascina dietro in compagnia di nuove storie, nuovi personaggi e nuovi mondi da scoprire. La DeAgostini, anche questa volta, sa come prenderci per la gola: li leggerete? Io, ma era ovvio, molto probabilmente si.

 


Lascia un commento

Spotlight: nuove uscite DeAgostini!

Bestioline, buon 1 maggio!
Vi lascio giusto due righe per ringraziarvi ancora, raggiungere la fatidica cifra tonda dei cento è una soddisfazione incredibile e sono davvero felice che quello che faccio qui vi piaccia tanto. Onde evitare però di dilungarmi nei miei solito sbrodolamenti vagamente emotivi, vi lascio a queste due nuove uscite targate DeAgostini con l’augurio di passare un bel weekend, pieno di belle letture e bei paperboy, con tanto sole e tante risate. Io, personalmente, mi faccio portare al mare e conto di rientrare qui a Forlì di un simpatico color aragosta.
Ci leggiamo lunedì, con una nuova recensione!

copertina1Titolo: A piedi nudi, a cuore aperto
Autore: Paola Zannoner
Editore: DeAgostini Libri
Pagine: 304
Uscita: 12 maggio
Prezzo: 14,90 €

Da quando Rachele ha incrociato lo sguardo di Taisir non riesce più a fare a meno di pensare a lui. Sarà colpa dei suoi occhi scuri e profondi, del suo sorriso ammaliante o del suo modo di muoversi, così disinvolto e sicuro ogni volta che sale sullo skateboard e se ne va in giro come se fosse solo al mondo… Sta di fatto che la ragazza ha completamente perso la testa. Ha deciso che vuole sapere tutto di lui: dove vive, cosa gli piace, come passa le giornate dopo la scuola. C’è solo un piccolo problema di cui Rachele non ha tenuto conto e che per Taisir sembra insormontabile: lui è arabo-palestinese, lei è italiana. Lui ha conosciuto l’odio, il dolore e la diffidenza, lei solo l’amore e la speranza. Ma Rachele non ha alcuna intenzione di arrendersi. Perché, in fondo al cuore, sa che Taisir le somiglia più di quanto possa immaginare. Ed è pronta a fare qualsiasi cosa pur di conquistarlo… Anche a dimostrare che, quando c’è l’amore, le differenze sociali e culturali non hanno importanza.

Dalla penna di una grande autrice una storia potente e indimenticabile in cui l’amore è l’unica arma che riesce a vincere il pregiudizio.

Paola Zannoner vive a Firenze. Esperta di letteratura, è una delle più importanti scrittrici italiane per ragazzi. I suoi libri, tradotti in diversi Paesi, hanno ricevuto numerosi premi, tra i quali il Bancarellino, il Premio Cento e il Premio Sardegna. Per De Agostini ha pubblicato anche Voglio fare la scrittrice (2007), Voglio fare la giornalista (2011), Lasciatemi in pace! (2008), Rocco + Colomba (2011), Specchio Specchio (2012), La settima strega (2014) e Voglio fare l’innamorata (2014).

copertina2Titolo: Nemmeno in paradiso
Autore: Chelsey Philpot
Editore: DeAgostini
Pagine: 352
Uscita: 5 maggio
Prezzo: 14,90 €

Charlotte Ryder sa già tutto sul conto di Julia Buchanan prima ancora di conoscerla. Prima ancora di doverla ospitare una notte in camera sua, nel dormitorio del St. Anne College. I Buchanan sono il tipo di famiglia che non passa inosservata. Persino la preside Mulcaster è solita interrompere a metà un discorso per guardarli scendere, uno dopo l’altro, dalla loro lussuosa macchina nera. Per i Buchanan frequentare il St. Anne è come vivere in un acquario: tutti sanno tutto di loro. O almeno così crede Charlotte. Quello che non si aspetta, però, arrivando al St. Anne dal lontano New Hampshire, è di poter diventare la migliore amica di Julia Buchanan. Di essere inghiottita nel suo mondo abbagliante, fatto di feste ininterrotte, fiumi di champagne, appuntamenti notturni e incontri segreti. Un mondo in cui all’improvviso anche l’amore sembra a portata di mano. Perché quando Charlotte incontra Sebastian, il fratello di Julia, crede finalmente di avere tutto ciò che ha sempre desiderato. Presto però l’idillio si spezza. E davanti agli occhi di Charlotte si spalanca una tragedia. Un terribile segreto annidato dietro lo sfarzo che illumina le esistenze dei magnifici Buchanan…

“Lirico e avvincente allo stesso tempo”
 Publishers Weekly STARRED REVIEW

“Romantico come un romanzo d’amore, struggente come una tragedia classica.”
School Library Journal

Chelsey Philipot è cresciuta in una fattoria del New Hampshire e ha lavorato come editor e giornalista. Ha scritto per il «New York Times», il «Boston Globe» e numerose altre testate. È un’appassionata di libri e ama andare a caccia di librerie e musei. Quando non scrive, insegna alla Boston University.


7 commenti

Recensione: “Raccontami di un giorno perfetto”, Jennifer Niven.

Difficile essere obiettivi, con questa recensione. Dopo aver avuto modo di incontrare l’autrice, il mio nuovo essere umano preferito, e aver conosciuto una parte di quello che si cela dietro le pagine e l’inchiostro, ammetto di essere accecata dal mio amore per lei, per le storie – la sua e quella che racconta, così strettamente intrecciate che mi è impossibile parlare di una senza citare l’altra – e per i suoi personaggi. Il lato positivo? Raccontami di un giorno perfetto è un libro troppo bello e troppo ben riuscito per poter meritare meno del massimo, quindi sapete cosa? Va bene così. La mia sarà una dichiarazione d’amore spassionato più che una recensione, una lettera imbevuta di commozione, tristezza, felicità, sgomento e speranza. Siete pronti? Io decisamente no, quindi fatemi coraggio e statemi vicini.

Titolo: Raccontami di un giorno perfetto Titolo originale: All the bright places Autore: Jennifer Niven Editore: DeAgostini Pagine: 418 Anno: 2015

È una gelida mattina d’inverno quella in cui Theodore Finch decide di salire sul tetto della scuola solo per capire che cosa si prova a guardare di sotto. L’ultima cosa che si aspetta però è di trovare qualcun altro lassù, in bilico sul cornicione. Men che meno Violet Markey, una delle ragazze più popolari del liceo. Eppure Finch e Violet si somigliano più di quanto possano immaginare. Sono due animi fragili: lui lotta da anni con la depressione, lei ha visto morire la sorella in un terribile incidente d’auto. È in quel preciso istante che i due ragazzi iniziano a provare la vertigine che li legherà nei mesi successivi. Una vertigine che per lei potrebbe essere un nuovo inizio, e per lui l’inizio della fine…

Continua a leggere


4 commenti

#9 Incipit madness

Buon pomeriggio bestioline! Sono tornata in quel di Forlì e ho la fortuna di potermi godere la compagnia del ragazzo per qualche giorno ancora, motivo per cui sono poco presente online. Confido nella vostra comprensione, perché poi passerà almeno un mese prima che possa rivederlo…! Il post di oggi, in ritardissimo rispetto al solito, è una carellata di incipit, tanto per riassumere le mie letture marzoline.

Irial osservò la ragazza che si stava avvicinando, scorgendo in lei la rabbia e il terrore che la attanagliavano. Rimase nell’ombra, nascosto nel vicolo davanti allo studio di tatuaggi, senza staccarle gli occhi di dosso neanche per un istante mentre finiva una sigaretta. Uscì nel momento in cui lei passava.
— Melissa Marr, Ink Exchange.

Seth comprese che Aislinn era arrivata. Gli sarebbe bastato percepire il lieve aumento di temperatura, anche senza scorgere quel baluginio di sole nel buio notturno. Più di una lanterna. Sorrise al pensiero di come avrebbe reagito all’idea di essere paragonata a una lanterna, ma il sorriso gli svanì dalle labbra non appena la vide apparire sulla soglia.
— Melissa Marr, Fragile Eternity.

Oggi è un buon giorno per morire? È quello che mi chiedo la mattina, quando mi sveglio. A scuola, quando mi sforzo di tenere gli occhi aperti mentre il professor Schroeder continua con la sua lagna. A tavola, mentre faccio passare il piatto coi fagiolini. La sera, a letto, quando non riesco a prendere sonno perché il mio cervello rifiuta di spegnersi per tutto quello su cui c’è da riflettere. Oggi è il giorno? E se non oggi, quando?
— Jennifer Niven, Raccontami di un giorno perfetto.

Hudson riusciva a sentire il motore dell’auto da alcuni isolati di distanza. Uscì dall’autofficina e chiuse gli occhi, in ascolto, distinguendo i suoni uno a uno, così che ancora prima di aprire il cofano avrebbe saputo esattamente quello che c’era da riparare. Appoggiato al muro, concentrato sull’auto ancora lontana, Hudson riusciva a dimenticare tutto il resto: la scuola e le ragazze e il suo futuro e se i suoi amici fossero dei veri idioti o si comportassero solo come tali.
— Adi Alsaid, Via con te.


Lascia un commento

#Giornoperfetto: 28 marzo 2015

Iniziano sempre così, le cose davvero belle: per caso.
Quando meno te lo aspetti ti capitano tra capo e collo, ti scaldano come un abbraccio inaspettato da parte di qualcuno a cui vuoi bene e lasciano un’impronta indelebile nella memoria, rannicchiandosi nell’angolino dei momento perfetti dove è sempre facile ritrovarle.

L’incontro con Jennifer Niven, senza ombra di dubbio, si è guadagnato il suo posto in quel mucchietto e prima di lasciarvi ad alcune delle foto che ho scattato dell’evento sento di dover ringraziare non solo le altre blogger che vi hanno partecipato, condividendo con me quest’emozione incredibile, ma anche la DeAgostini per avermi concesso questo grandissimo onore.

Nella cornice dell’Open di Milano, un luogo talmente bello che non ho neppure avuto il coraggio di fotografarlo, dopo un pranzo che davvero, ma come ho fatto vivere fino ad oggi senza conoscere il Mariù e i suoi kebab personalizzabili? in compagnia di Annachiara e Chiara – indovinate di cosa abbiamo parlato tutto il tempo! Libri, proprio così! E che goduria! – e dopo aver recuperato anche Serena, abbiamo tutte sospirato in coro quando una delle donne più solari e coraggiose che abbia mai incontrato è entrata nella stanza, illuminandola.

Più che di un’intervista, si è trattata di una chiacchierata informale, un rimbalzare di domande che hanno toccato gli argomenti più vari e che in comune hanno solo l’aver trovato risposto dalla profondità insospettabile e parole che hanno lasciato il segno quasi quanto la storia di Violet e Finch. Con pazienza infinita, la Niven ci ha ascoltate, consolate, rassicurate e incoraggiate con una gentilezza straordinaria, prestandosi alle nostre curiosità e rivelandoci forse più di quanto mi aspettavo di poter scoprire. E come se non bastasse, si è fatta pazientemente fotografare con noi tutte e ha costretto quel pezzo di pane del marito ha scattare le stesse fotografie, che poi ha pubblicato sulla sua pagina e sul suo account instagram. Non serve che vi dica quanto è strano, emozionante e in una certa misura gratificante vedere la propria faccia comparire sui profili di qualcuno che, altrimenti, pare più inarrivabile che mai, no?

Il 28 marzo 2015 è una giornata che difficilmente dimenticherò, così come il libro e l’autrice che l’hanno reso possibile in primo luogo. La levataccia, i quattro treni presi in dodici ore, i primi incontri che persone che solitamente sono abituata soltanto a leggere, le risate, le foto per ingannare l’attesa, il panico quando è stato il mio momento di fare la mia domanda – era stupida? Spoiler: sì. Però poi mi sono riscattata! -, il modo in cui lei mi ha guardata dritta negli occhi mentre rispondeva, l’inglese stentato quando ci siamo trovate faccia a faccia e la spontaneità con cui mi ha abbracciata… rifarei tutto, lo rifarei subito e non ci penserei su due volte.

Ve l’ho già detto domenica, questo blog è un viaggio che non so esattamente dove mi sta portando. Quello che so è che il percorso è costellato di tappe meravigliose e che questa, tra tutte, è sicuramente indimenticabile. Un po’ temo il momento in cui dovrò costringermi di scrivere un post sull’intervista in sé e soprattutto temo il giorno in cui avrò abbastanza coraggio da recensire il romanzo, ma al momento mi godo il ricordo di un sabato eccezionale, l’ultimo da venticinquenne, che non avrebbe potuto essere più speciale di così.

Vi lascio un po’ di foto, e torno a sospirare nel mio angolino.
Credo che Tant sia la parola esatta per descrivere come mi sento.
Continua a leggere


3 commenti

#4 Pin my book!

Buongiorno bestiarole, come state?
Mentre leggete questo post, come penso ormai abbiate già capito, mi trovo in quel di Milano e sto per incontrare, assieme ad un gruppetto di incredibili blogger, Jennifer Niven, l’autrice di Raccontami di un giorno perfetto. Caso vuole che anche il libro che oggi viene ufficialmente pinnato, Il primo bacio a Parigi, sia edito dalla DeAgostini. Casualità? Quasi sicuramente. Però sorrido di questa coincidenza e vi lascio a questo piccolo tuffo nella Parigi che ha vegliato sull’amore tra Anna ed Etiénne.

IL PRIMO BACIO A PARIGI
Stephanie Perkins

Recensione || Goodreads || Pinterest