Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


3 commenti

Recensione: “Il Trono di ghiaccio”, Sarah J. Maas.

We all bear scars… Mine just happen to be more visible than most.

Titolo: Il Trono di ghiaccio (Throne of Glass #1)
Titolo originale: Throne of Glass (Throne of Glass #1)
Autore: Sarah J. Maas
Editore: Mondadori
Pagine: 492
Anno: 2013

Giudizio: 4/5

Sinossi
Per una volta Celaena, la migliore assassina nel regno di Adarlan, non deve uccidere su commissione, ma per guadagnarsi la libertà. Il figlio del tirannico re del Paese sta cercando un nuovo sicario che elimini i nemici di suo padre. Celaena, strappata ai lavori forzati cui era condannata, deve riuscire a sopravvivere tra ventiquattro contendenti. Se vincerà, diventerà la paladina del re e, dopo quattro anni di servizio, sarà infine libera. Il Principe Ereditario è il suo maggiore alleato. Il Capitano delle Guardie la protegge. Entrambi la amano. Ma l’amore e il talento non bastano per vincere. Quando gli altri candidati iniziano a morire uno dopo l’altro, Celaena capisce che la sua vita è sempre più in pericolo, e le persone di cui fidarsi sono sempre meno… A lei spetterà il compito di estirpare il male, prima che distrugga il suo mondo. Continua a leggere

Annunci


Lascia un commento

#4 WWW Wednesday

Rubo questi dieci minuti prima di pranzo, respirando il profumino che dalla cucina si spinge fino a camera mia. Niente da dire, vivere da soli è bello, ma poche cose sono come la cucina della mamma quando si torna a casa…! Brevissimamente, ecco un recap delle letture delle ultime settimane: scarse, mi rendo conto, ma non per questo meno apprezzate.
Voi a cosa vi state dedicando? Vi ricordo, nel caso non l’abbia già fatto, che qui potete trovare la pagina FaceBook dedicata al blog! Devo ancora un po’ prenderci la mano, ma insomma… è a vostra disposizione.

What are you currently reading?

Ebbene si, anche io mi sono buttata a pesce sul libro da cui hanno tratto Outlander, aka il telefilm dell’ormone, aka la mia ora settimanale di arcobaleni e occhi a cuore e mal di pancia dovuti all’inconcepibile bellezza Sam Heugan che da sola vale ogni singolo istante di ogni singola puntata. Piano piano sono arrivata a mettermi in pari con la serie e, per quanto sia lodevole l’assoluta corrispondenza tra pellicola e cartaceo, devo dire che la prima batte la seconda a mani basse. Credo che sia la prima volta in cui dico una cosa del genere, ma… Dio dei Libri perdonami, questo romanzo è scritto davvero male. *soffre*

È il 1945. La seconda guerra mondiale finalmente è terminata, e Claire Randall, un’infermiera militare inglese, si riunisce al marito, dopo sette anni di lontananza, in una sorta di seconda luna di miele nelle Highlands scozzesi. Ma durante una passeggiata solitaria, visitando un antico circolo di pietre, la giovane donna si ritrova improvvisamente catapultata in un’altra epoca, in una Scozia settecentesca, dilaniata dalla guerra e dai conflitti tra clan. Nelle Highlands più selvagge e desolate, tra streghe e inquisitori, intrighi e passioni, Claire dovrà affrontare un susseguirsi di vicende che metteranno a rischio non soltanto la sua vita ma anche il suo cuore: l’incontro con un giovane e carismatico cavaliere scozzese la costringerà a una scelta radicale, tra due uomini e… due destini.

23162656

Finalmente! Il terzo volume della trilogia de Il Labirinto, ovviamente da leggere in compagnia delle mie fedelissime amiche del Club del Libro. L’abbiamo atteso per mesi, e per mesi ho dovuto pure sopportare le lamentele di mio padre che, da grande fan della serie, non ha fatto altro che lamentarsi della mancata pubblicazione del volume conclusivo – oltre che ad avermi spoilerato per bene il secondo, in quanto incapace di trattenersi. Sob. Onestamente? Non vedo l’ora di sapere cosa succederà. Davvero una gran scoperta, James Dashner!

Thomas sa di non potersi fidare delle menti malvagie che fanno parte della C.A.T.T.I.V.O., l’organizzazione che continua a tenere sotto scacco lui e gli altri Radurai, i sopravvissuti al Labirinto. Il tempo delle menzogne è finito, gli ripetono, i loro ricordi sono stati ripristinati e le tremende Prove cui sono stati sottoposti sono terminate. Sostengono di aver raccolto tutti i dati di cui avevano bisogno, ma di dover fare ancora affidamento su di loro per un’ultima missione: tocca ai Radurai trovare una cura per l’Eruzione, lo spietato morbo che conduce alla follia. Ma accade qualcosa che nessuno degli uomini della C.A.T.T.I.V.O. poteva prevedere: i ricordi di Thomas si spingono molto più lontano di quanto possano anche solo sospettare, fino alla verità. Il ragazzo adesso ha la conferma: non può credere a una sola parola di quello che dicono. E i suoi ricordi gli rivelano che dovrà fare molta attenzione, se vuole sopravvivere, perché la verità è più pericolosa della menzogna.

What did you recently finish reading?

Giudizio: 4/5
Ho iniziato la recensione, ma mi riesce difficile trovare un punto fermo tra i miei pensieri e da lì sviluppare un discorso che sia un minimo coerente e comprensibile, che non si limiti a squittii, reaction gif e tutte le cavolate di repertorio. Mi è piaciuto, mi è piaciuto molto – ma devo dire che se non avessi letto le novelle prima, molte cose non mi sarebbero state chiare. Con un po’ di pazienza, presto sarò capace di spiegarvi pure il perché.

Giudizio: 4/5
Stesso discorso qui.
Molto bello, molto denso, molto veloce in certi punti e un pelo troppo lento in altri. I primi due volumi della trilogia de Il Trono di Ghiaccio sono una sorsata d’acqua fresca in una giornata troppo calda, un piacere da concedersi senza sensi di colpa e da gustare fino all’ultima pagina. Ammetto che, una volta presa confidenza con i personaggi, ho avuto delle difficoltà a digerire determinati atteggiamenti di Celaena, specie nei confronti di Chaol (che è entrato di pieno diritto nella mia lista di uomini di carta da sposare, al contrario del principe Dorian che, non so, ma non si potrebbe farlo sparire? No? Peccato!), ma nonostante tutto sono rimasta piacevolmente stupita dalle infinite possibilità di sviluppo che questo secondo volume ha spalancato.

What do you think you’ll read next?

Lost and broken, Celaena Sardothien’s only thought is to avenge the savage death of her dearest friend: as the King of Adarlan’s Assassin, she is bound to serve this tyrant, but he will pay for what he did. Any hope Celaena has of destroying the king lies in answers to be found in Wendlyn. Sacrificing his future, Chaol, the Captain of the King’s Guard, has sent Celaena there to protect her, but her darkest demons lay in that same place. If she can overcome them, she will be Adarlan’s biggest threat – and his own toughest enemy.
While Celaena learns of her true destiny, and the eyes of Erilea are on Wendlyn, a brutal and beastly force is preparing to take to the skies. Will Celaena find the strength not only to win her own battles, but to fight a war that could pit her loyalties to her own people against those she has grown to love?

Sarà sempre leale, fedele e coraggioso con ogni battito del suo cuore.
Stanley è ancora un ragazzino, e si sente solo. Da quando il fratello è partito per la guerra, il padre non è più lo stesso. È freddo e distante. Eppure Stanley ha trovato un modo per essere di nuovo felice: prendersi cura dei suoi cani. Lui è l’unico che sa come comunicare con loro. Quando Soldier, un cucciolo dal pelo chiaro, sembra troppo fragile per sopravvivere, Stanley gli salva la vita. Qualcosa di speciale li unisce e i due diventano inseparabili. Ma il loro legame è destinato a spezzarsi: un giorno, all’improvviso, Soldier scompare. Per Stanley è una nuova ferita difficile da ricucire. Non gli rimane che una scelta: vestire la divisa dell’esercito inglese e partire per il fronte. Partire alla ricerca del fratello e cercare di riunire la sua famiglia. Grazie alla sua rara abilità nel capire i cani, viene assegnato al servizio dei cani messaggeri. Nell’orrore delle trincee del primo conflitto mondiale, la lealtà e il coraggio di questi animali salvano vite umane. Sono loro che giorno dopo giorno insegnano a Stanley a essere forte e a sopportare la violenza della guerra. Eppure lui non riesce ad affezionarsi veramente: il ricordo di Soldier fa ancora troppo male. Fino a quando non gli viene affidato Pistol che, come lui, non si fida più di nessuno. Grazie a questo cane Stanley rivive, per la prima volta, la forza dell’amicizia che lo legava a Soldier. Una sensazione che credeva di non riuscire più a provare. Pistol ha uno strano e immediato attaccamento per lui e i suoi occhi sembrano volergli dire qualcosa. Stanley deve scoprire se il suo cuore è ancora capace di ascoltare…
Per te qualsiasi cosa ha incantato i librai indipendenti inglesi, diventando un successo del passaparola tra i lettori, con una storia emozionante che disegna una pagina poco conosciuta del primo conflitto mondiale. Un romanzo travolgente sulla fedeltà e il coraggio, sulla forza dell’amicizia e il potere dei sentimenti.


Lascia un commento

#2 Incipit madness, Agosto 2014.

Sono in pausa da un ripasso serratissimo che, più che essere un ripasso, è il folle tentativo di memorizzare tutto quello che ad oggi non ho memorizzato – ossia tutto. Quindi, rapidissimamente, vi lascio la carrellata di incipit che hanno scandito le mie letture di un agosto finito troppo in fretta e vi do appuntamento molto probabilmente a lunedì prossimo, con la recensione settimanale, quando finalmente sarò ufficialmente in vacanza per una settimana e mezza prima dell’inizio delle lezioni! Non vedo l’ora. Continua a leggere


Lascia un commento

#7 Teaser Tuesday

Martedì,  di nuovo martedì. Uff. Mi consola il pensiero che esattamente tra una settimana sarò in vacanza per davvero, nel bene e nel male, seppure per pochissimo.
In questi giorni mi sta facendo compagnia un romanzo che mi sta piacendo moltissimo e da cui è tratto il teaser settimanale. Nel caso non le ricordaste più, queste sono le regole:

  • Prendi il libro che stai leggendo;
  • Aprilo a una pagina a caso;
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina, un “teaser” per l’appunto;
  • Fai attenzione a non scrivere spoilers!

 

-Ti senti sola? – disse prima di riuscire a trattenersi.
– Sola? – Celaena scosse il capo e finalmente,  dopo tutte quelle lusinghe, si sedette. Dorian dovette frenare l’impulso di colmare la distanza che li divideva e di toccarle i capelli, curioso di sentire se fossero setosi come sembravano.
– No, posso sopravvivere benissimo da sola, a condizione di avere i libri giusti da leggere. –