Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


Lascia un commento

#8 Sunday bumbling!

Buona domenica!
Da buona lettrice incallita, sono una ferma sostenitrice dei diritti imprescindibili del lettore, un elenco affatto banale stilato da Daniel Pennac. Tra questi, ce ne è uno in particolare che devo forzarmi di ricordare quando si presenta la necessità di applicarlo, un po’ perché mi sento in dovere nei confronti di chi l’ha scritto e un po’ perché ho la testa di coccio e quando mi metto in testa di fare qualcosa, o la faccio o è morte. Avete già capito di quale sto parlando? Bravi, il diritto di non finire un libro.
I motivi possono essere infiniti – noia, fastidio, incompatibilità, poco interesse, serve davvero citarli? – e sono uno più valido dell’altro: tra un libro e il suo lettore è fondamentale una certa chimica, un’attrazione a prima vista che incoraggi la lettura, ma dopo questo primo impatto è fondamentalmente che il libro sappia mantenere l’attenzione di chi lo legge, accompagnandone la fantasia fino all’ultima pagina. Quando questo viene a mancare, la lettura diventa un incubo. E leggere deve essere tutto tranne che un incubo, per quel che mi riguarda, per quanto sia difficilissimo chiudere un libro e ammettere che no, c’è qualcosa che non va. Quando poi si ha un blog, la situazione è ancora più complicata perché si instaurano ulteriori dinamiche sotterranee, che vanno dal “se non finisco il libro non ho una recensione da postare” al “eh, ma mi è stata chiesta una recensione, non posso mollare adesso!”, passando per il “no no no, me l’ha mandato una CE, non posso proprio”. Ragionamenti sbagliatissimi. A prescindere da tutto, leggere deve essere un piacere e deve rimanere tale anche se questo significa mettere un libro da parte e ammettere che non era quello giusto per noi.
Tutto questo per arrivare al cuore del post di oggi: libri che ho iniziato a leggere e che, per un motivo o per l’altro, ho abbandonato. Adesso vi spiego perché.

Jennifer L. Armentrout, Opal.
Terzo capitolo della saga Lux, terzo appuntamento con Kitty, Daemon e la loro combriccola di alieni teenager e adolescenti assolutamente nella media. I primi due capitoli li ho letti tutti d’un fiato, catturata dalla novità che gli alieni rappresentavano nel mio panorama di letture e dal continuo tira e molla emotivo tra i due protagonisti, e mi aspettavo grandi cose anche da questo volume.
Invece sono rimasta incredibilmente delusa dalla superficialità, dalla banalità, dall’assoluta mancanza di spessore che mi son trovata ad affrontare sin dalle primissime pagine. Non c’è stato feeling, con questo libro, e la situazione non è migliorata al punto che mi son ritrovata a cercare scuse per non leggere. Quando poi ho terminato un altro libro, mentre questo era ancora in lettura, mi sono arresa all’evidenza che questo libro non era cosa per me, che la prepotenza di Daemon e la stupida avventatezza di Katy mi infastidivano quasi quanto il rancore esagerato, per quanto giustificato, di Dee. Molte cose, del poco che ho letto, mi sono sembrate prevedibile e più il tempo passava, meno interesse avevo a scoprire cosa sarebbe successo poi.

Sasha L. Miller, Losing ground.
Libro richiesto e ottenuto su NetGalley perché totalmente innamorata della copertina – e sfido chiunque a dire che non sia bella! L’ho iniziato con grande entusiasmo, ma da subito ho iniziato a fare davvero fatica nonostante l’idea alla base sia meravigliosa e sulla carta ci sia tutto quello che in un romanzo mi interessa – magia, un contesto vagamente distopico/crepuscolare, la promessa di una romance tutt’altro che banale. Ho trovato il ritmo della narrazione lento, la scrittura pesante e difficile da digerire: le pagine non scorrevano mai, più leggevo e meno mi sembrava di progredire. Non so per quale motivo, non so se sia stata una mia carenza di attenzione o se ci fosse qualcosa che effettivamente non mi sconfinferava, ma proprio non ce l’ho fatta a farmelo piacere e alla lunga mi sono arresa all’evidenza che no, non era cosa per me, e tanto valeva essere onesta con me stessa e passare a qualcosa che mi interessasse molto di più, risparmiandomi un supplizio che sarebbe durato a lungo nonostante le cento pagine scarse del romanzo.

Thomas Melis, A un passo dalla vita.
Era inizio anno, quando sono stata contattata da questo autore emergente, se non addirittura fine dicembre: mi chiedeva una recensione del suo primo lavoro, un noir ambientato in una Firenze per me piuttosto inedita, e, per quanto già sapessi che non fosse il mio genere e che avrei potuto faticare non poco, ho accettato la lettura con l’entusiasmo di chi è alle prime armi. Sapevo a cosa andavo incontro, ma volevo disperatamente essere sorpresa da qualcosa molto al di fuori della mia confort-zone e in un certo senso non posso negare che non sia successo.
Si vede che c’è del lavoro, dietro questo romanzo. Che l’ha scritto qualcuno che conosce la città, che è stato pensato e costruito con una certa cura. Il mondo di Calisto, per quanto oscuro e a me assolutamente ostile, è un mondo che ha delle regole, una sua coerenza, e che denota una cura non indifferente per un emergente. Quello che mi ha impedito di concludere la lettura, insomma, non ha nulla a che vedere con un problema di trama o di stile di scrittura. Il mio problema riguarda fondamentalmente il campo d’affari del protagonista – la droga. Perché se c’è droga di mezzo, io non ce la posso fare. Sto male fisicamente, il solo pensiero risveglia in me un malessere fisico che mi rende insopportabile non solo la lettura ma anche la visione di determinati titoli solo perché la trama è intrecciata allo spaccio o al consumo di sostanze stupefacenti. E di droga ce ne è davvero tanta, in questo romanzo. Mi sono sforzata, in nome delle dinamiche sopra citate, di andare oltre, ma per quanto ci abbia messo tutta me stessa, alla lunga mi sono arresa all’evidenza e ho lasciato perdere: A un passo dalla vita è un bel libro, ma non fa per me.

Ad oggi questi sono gli unici tre libri abbandonati nel 2015.
Ci è voluto tempo per ammettere che non facevano per me, ma una volta fatto mi sono sentita sollevata: amiche lettrici, abbandonare un libro non è una sconfitta, ma un vostro diritto! Non abbiate timore di farlo, se qualcosa non vi va giù è giusto assecondare il vostro istinto: dopo tante letture, ormai sa qual è la cosa giusta per voi!


Lascia un commento

#8 Incipit Madness

Non sentite già il profumo della primavera nell’aria? L’allergia imminente? Le giornate più lunghe e tiepide, la stagione dei trench, delle sciarpine e dei maglioncini? No? Solo io? Peccato! Al di là di tutto, siamo ad inizio mese, a metà settimana: quale momento migliore per tirare un po’ il fiato e godersi una carrellata di incipit in compagnia?
Febbraio è stato un mese faticoso, con la chiusura della sessione, un sacco di (brutti) pensieri, tanti equilibri stravolti e quei tre giorni di virus che lo hanno totalmente azzoppato. Se poi si pensa che siamo stati derubati di ben tre giorni, beh… è passato troppo rapidamente, dove si domanda il rimborso? Fortuna ho avuto al mio fianco belle letture! Marzo, please be kind.

People call me Biggie. Not all people. Mom and some teachers call me Henry; but for the most part I’m Biggie.
Do I like nickname? No. Of course, I don’t. Nor do I care much for Brian Burke, who, nine years ago, thought up the moniker when we were playing tag during seconda-grade recess. I should have just told him to shut up or said something mean in verbal retaliation, but I didn’t. I just stood there, head hung, shoulders fallen, hand swaying in the icy wind of early December.
— Derek E. Sullivan, Biggie.

Ecco tutto ciò che conosco della Francia: Amélie e Moulin Rouge. La Tour Eiffel e l’Arco di Trionfo, anche se non ho la più pallida idea della loro reale funzione. Poi ci sono Napoleone, Maria Antonietta e una sfilza infinita di re che si chiamavano Luigi. E neanche in questo caso sono sicura di che cosa abbiano fatto, ma penso che c’entrino in qualche modo con la Rivoluzione Francese, che a sua volta c’entra con la parata del 14 luglio. Il museo d’arte si chiama Louvre e ha la forma di una piramide, e la Gioconda se ne sta lì, insieme alla statua della donna senza braccia. E poi ci sono caffè, o bistrot, o come diavolo si chiamano, a ogni angolo di strada. E i mimi. Il cibo pare sia buono e la gente beve un sacco di vino e fuma un sacco di sigarette.
— Stephanie Perkins, Il primo bacio a Parigi.

The T-screen in our family room crackles just before President Cartier fills the screen. I wonder briefly if Lawrence is watching him, too, like the rest of America, or if he was given an advance showing. After all, the president is his grandfather. I remember the first time I met President Cartier. He was less gray then, less wrinkled. He was joking that Lawrence was too mature for a six-year-old and asked me to take him under my wing, teach him how to be young.Now four years later, staring into the T-screen on one of the biggest nights of my life, I wish I had some of Lawrence’s maturity. I wish I weren’t so…afraid.
— Melissa West, Gravity.

La prospettiva. Devo vedere le cose nella giusta prospettiva. Non è un terremoto e neppure la strage di un pazzo armato o una fusione nucleare, no? Nella classifica delle catastrofi, la mia non è poi così tremenda. No, non così tremenda. Un giorno, quando mi ricorderò di questo momento, mi verrà da ridere e penserò: “Che scema sono stata a preoccuparmi!”.Smettila, Poppy. Non provarci nemmeno. Non sto ridendo, anzi mi sento male. Sto vagando nella sala da ballo dell’hotel con il cuore in gola, cercando invano sulla moquette a motivi blu, dietro le sedie dorate, sotto i tovaglioli di carta usati, dove non lo troverò mai.
L’ho perso. Ho perso l’unica cosa al mondo che non dovevo perdere. Il mio anello di fidanzamento.
— Sophie Kinsella, Ho il tuo numero.

Ero circondata dall’Esercito dei Ragazzi Fighi.
In molti credevano che l’Esercito dei Ragazzi Fighi fosse solo un mito, una leggenda metropolitana che circolava all’università, come quella della reginetta del ballo che si era buttata dalla finestra del dormitorio perché strafatta di acidi o di crack, anzi, no, forse era caduta nella doccia e si era fracassata la testa. La versione cambiava ogni volta che la sentivo. Ma, a differenza del fantasma che infestava la Gardiner Hall, l’Esercito dei Ragazzi Fighi era qualcosa che esisteva e respirava davvero. Erano in tanti.
Ed erano fighi, dal primo all’ultimo.
— J. Lynn, Rimani con me

Il Re dell’Estate le s’inginocchiò davanti. «È questa la tua scelta? Accetti il rischio del gelo dell’inverno?».
Lei lo guardò, guardò il ragazzo di cui si era innamorata da qualche settimana. Non si sarebbe mai sognata che non fosse umano, ma adesso brillava come se vampe di fuoco gli tremolassero sotto la pelle ed era uno spettacolo tanto bello e inconsueto che non riusciva a distogliere gli occhi.
«Sì».
— Melissa Marr, Wicked Lovely.

Carter fumbled the plate he was drying, barely catching it before it fell to the floor. Setting it down on the counter, he dropped the drying rag on top of it and left the kitchen, ignoring Zandra’s worried look. Leaving the kitchen, he cut through the dining room to the living room where his mother had retired for the evening.
Rebeka Bellwood sat in her favorite chair, her feet propped up on the ottoman. She had changed into her evening loungewear: black track pants and an oversized t-shirt. Her face was lined with age and worry, and there was more gray in her hair than Carter liked.
— Sasha L. Miller, Losing ground.

Una sera a Parigi, più o meno un anno dopo che era stato riaperto il Cinéma Paradis ed esattamente due giorni dopo che avevo baciato la ragazza con il cappotto rosso, mentre aspettavo con impazienza spasmodica il momento in cui l’avrei rivista, avvenne una cosa incredibile. Una cosa destinata a rivoluzionare la mia vita e a trasformare il mio piccolo cinema in un luogo magico: un luogo in cui si incontrano speranze e desideri, un luogo in cui i sogni diventano realtà. Improvvisamente mi ritrovai protagonista di una storia perfino più bella di quelle inventate per il grande schermo. Io, Alain Bonnard, fui strappato dalla mia orbita e catapultato nella più grande avventura della mia vita.
— Nicolas Barreau, Una sera a Parigi.


Lascia un commento

#40 Teaser Tuesday!

Buongiorno!
Anche oggi un teaser, totalmente spoilerfree, dalle pagine di uno dei cinque libri che ho in lettura. Niente panico, non mi sono trasformato in uno di quegli esseri mitologici che riescono a gestire così tante letture: Le Cronache di Magnus Bane sono in dirittura d’arrivo, così come questa novella dalle potenzialità incredibili ma eccessivamente pesante per i miei gusti. Ma non voglio anticiparvi nulla della recensione che mi prometto di scrivere forse già in giornata, quindi vi lascio con la citazione e vi auguro una buona giornata!

“The worst you’ll do is screw it up and it collapses. Wards are pretty harmless as spells go. They don’t hurt anything if they fail, so you can’t do worse than not managing the spell.”
“If you say so,” Tai said. He shifted, biting his lip as he stared at the flattened square of grass. Carter waited, feeling the spark of Tai’s energy as he started casting. The spell was barely there, and Carter couldn’t get a good read on it before it collapsed. Tai sighed, rubbing his forehead. “What did I do wrong?”
“I don’t know,” Carter admitted, smiling wryly because that was better than being frustrated at his lack of power. “I couldn’t get a good handle on it before it collapsed. Try again, but put more energy behind it?”
Tai nodded. This time he held a hand out toward the space where the ward would be, and Carter felt it when Tai started casting. Tai’s cool energy spun through the space, building a ward seemingly effortlessly—but then it fell apart when Tai tried to close it off far too soon. Tai looked at him questioningly.
“You tried to close it too soon,” Carter said. He reached into the space where Tai had been casting the ward, drawing a circle in the center of the space. “You set the wards up to enclose this much, but then tried to lock it in place like it contained the whole of the space.”
“But it felt like it was done,” Tai said.
Carter almost snickered, knowing full well what his mother would say to that nonsense. “Yeah? How did it feel?”
“Like the energy fit the space,” Tai said. “Like it did when you switched from building them to locking them down.”
That hadn’t been the answer Carter had expected, and he frowned, considering that. “Try it again? Push it past that point, and I’ll see if I can let you know when to try and close it off.”
Nodding, Tai held his hand out toward the space again. His magic spun up, cool and sharp, and Carter focused on it, paying close attention. Tai nearly faltered when he pushed past the point where he’d closed the spell previously but kept going. Carter waited until Tai reached the point where the space was contained in his wards, then nodded at Tai. “That’s it.”

Carter Bellwood’s family has Earth-claimed the Bellwood territory for generations and they’ve always had an excess of Earth energy to back it up. Until Carter, whose energy is barely a fraction of that his mother has. But he’s the only Earth wizard in his generation and set to inherit the territory—if there’s anything left of it. The territory is being ravaged by a disease that kills all plant life it comes into contact with. They can’t cure it, can barely contain it, can only watch as their territory turns into a barren landscape.
Then a new Earth wizard shows up. Tai is everything Carter is not when it comes to the strength of his magic, and more importantly he knows how to cure the disease. But he’s also terrified and clearly on the run from something, and Carter’s not sure Tai’s help is worth the risk of him trying to stake his own claim on the territory—or the risk that whatever he’s running from finds him…


3 commenti

#7 WWW Wednesday!

L’ultimo WWW Wednesday che questo blog ricorda risale al 24 dicembre: direi che è il caso di rimendiare e propinarvene uno nuovo di pacca, in attesa di tutte le recensioni da pubblicare. Perché si, non dico che sono in pari, ma sono presa piuttosto bene per i miei standard, quindi yay me! Ciò non toglie che, obbligandomi a pubblicarne massimo due per settimana perché i periodi di magra son sempre dietro l’angolo e questo blog lo sa fin troppo bene, ci vorrà un po’ prima che siano pubblicate tutte e quindi quale occasione migliore per propinarvi quelle che sono le mie letture presenti/passate/future? Appunto. E poi mi andava di pubblicare anche oggi, quindi poche storie: il post ve lo cuccate in ogni caso.

WHAT ARE YOU CURRENTLY READING?

Sasha L. Miller, Losing ground.
Carter Bellwood’s family has Earth-claimed the Bellwood territory for generations and they’ve always had an excess of Earth energy to back it up. Until Carter, whose energy is barely a fraction of that his mother has. But he’s the only Earth wizard in his generation and set to inherit the territory—if there’s anything left of it. The territory is being ravaged by a disease that kills all plant life it comes into contact with. They can’t cure it, can barely contain it, can only watch as their territory turns into a barren landscape. Then a new Earth wizard shows up. Tai is everything Carter is not when it comes to the strength of his magic, and more importantly he knows how to cure the disease. But he’s also terrified and clearly on the run from something, and Carter’s not sure Tai’s help is worth the risk of him trying to stake his own claim on the territory—or the risk that whatever he’s running from finds him…

WHAT DID YOU RECENTLY FINISH READING?

Melissa West, Gravity.
In the future, only one rule will matter: don’t. Ever. Peek. Seventeen-year-old Ari Alexander just broke that rule and saw the last person she expected hovering above her bed — arrogant Jackson Locke, the most popular boy in her school. She expects instant execution or some kind of freak alien punishment, but instead, Jackson issues a challenge: help him, or everyone on Earth will die. Ari knows she should report him, but everything about Jackson makes her question what she’s been taught about his kind. And against her instincts, she’s falling for him. But Ari isn’t just any girl, and Jackson wants more than her attention. She’s a military legacy who’s been trained by her father and exposed to war strategies and societal information no one can know — especially an alien spy, like Jackson. Giving Jackson the information he needs will betray her father and her country, but keeping silent will start a war.

Katja Millay, Il tuo meraviglioso silenzio.
Le sue dita non possono più correre sul pianoforte, il suo mondo pieno di note è diventato muto. Nastya era una promessa della musica, prima. Prima che tutto precipitasse, prima che la vita perdesse ogni significato. Da 452 giorni Nastya ha smesso di parlare, e il suo unico desiderio è tenere nascosto il motivo del suo silenzio. La storia di Josh non è un segreto: ha perso tragicamente i suoi cari, e solo nel recinto impenetrabile che ha costruito intorno a sé si sente al riparo dalla compassione degli altri e libero di dedicarsi in solitudine all’unica cosa che lo tiene in vita: intagliare il legno. Quando sembra non esserci più luce né speranza, Nastya e Josh si trovano e le sensazioni sopite esplodono dal corpo e dal cuore. Due lontananze si incontrano, cercando l’una nell’altra la forza per superare il passato e rinascere davvero.

Stephanie Perkins, Il primo bacio a Parigi.
Non c’è nulla che Anna aspetti più dell’ultimo anno al liceo. E’ sicura che ogni singolo momento insieme alla sua migliore amica e al ragazzo per cui ha una cotta colossale sarà indimenticabile. Ma le cose non vanno affatto come sperato perché i genitori di Anna decidono di spedirla per un anno intero in collegio a Parigi. Anna è disperata … almeno fino al giorno in cui incontra Etienne St.Clair. Divertente, sensibile, affascinante, St. Clair sembra proprio il ragazzo perfetto. C’è solo un piccolo problema: lui è fidanzato. Ma- si sa – Parigi è la città più romantica del mondo, e tra una passeggiata sulle rive della Senna e un appuntamento al chiaro di luna, tutto può succedere.

WHAT ARE YOU GOING TO READ NEXT?

Kelley Powell, The merit birds.
Eighteen-year-old Cam Scott is angry. He’s angry about his absent dad, he’s angry about being angry, and he’s angry that he has had to give up his Ottawa basketball team to follow his mom to her new job in Vientiane, Laos. However, Cam’s anger begins to melt under the Southeast Asian sun as he finds friendship with his neighbour, Somchai, and gradually falls in love with Nok, who teaches him about building merit, or karma, by doing good deeds, such as purchasing caged “merit birds.” Tragedy strikes and Cam finds himself falsely accused of a crime. His freedom depends on a person he’s never met. A person who knows that the only way to restore his merit is to confess. “The Merit Birds” blends action and suspense and humour in a far-off land where things seem so different, yet deep down are so much the same.