Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


Lascia un commento

Recensione: “Losing it – Credevo che il cielo fosse azzurro”, Cora Carmak.

Lunedì! Di nuovo! Quali catastrofi ha portato con sé, l’inizio di questa seconda settimana di settembre? Nel mio caso, vabbeh, più che una catastrofe ho trovato una rinuncia personale, ma va bene così. Alle volte saper lasciar andare è importante quasi quanto lottare e crederci fino all’ultimo, per non parlare del fatto che sono giunta alla conclusione che dare la precedenza alla mia salute fondamentale viene prima di qualsiasi altra cosa, quindi alla fine, davvero, non è questa gran cosa. E lo stesso, in un certo senso, si può dire del libro che recensisco oggi: non eclatante, non sconvolgente, nel suo piccolo ordinario ma straordinariamente piacevole. Buona lettura!

Titolo: Losing it – Credevo che il cielo fosse azzurro
Titolo originale: Losing it
Autore: Cora Carmak
Editore: EdizioniAnordest
Pagine: 272
Anno: 2013

Giudizio: 3/5

Sinossi
Bliss Edwards ha ventidue anni e le manca solo un semestre per finire il college. È intelligente e carina, ma tremendamente timida e insicura. Questa sua insicurezza la rende goffa e in particolare con i ragazzi non sa davvero come comportarsi. In più c’è un problema: è l’unica tra le sue amiche ad essere ancora vergine. Anzi, per lei non è esattamente un problema, però quando lo confessa a Kelsey, la sua migliore amica, questa non le lascia scelta: la situazione dev’essere risolta a tutti i costi. E il modo più veloce e semplice per perdere la verginità è l’avventura di una notte. Ma il suo piano si rivela tutt’altro che semplice. Quella sera Bliss incontra Garrick, un ragazzo stupendo con cui scatta subito una forte attrazione, ma arrivata al dunque, Bliss scappa via con una scusa a dir poco strampalata. Come se la cosa non fosse stata già abbastanza imbarazzante, il giorno dopo, a lezione, scopre che in realtà Garrick è Mr. Taylor, il suo nuovo professore di teatro… Continua a leggere

Annunci


Lascia un commento

#2 Incipit madness, Agosto 2014.

Sono in pausa da un ripasso serratissimo che, più che essere un ripasso, è il folle tentativo di memorizzare tutto quello che ad oggi non ho memorizzato – ossia tutto. Quindi, rapidissimamente, vi lascio la carrellata di incipit che hanno scandito le mie letture di un agosto finito troppo in fretta e vi do appuntamento molto probabilmente a lunedì prossimo, con la recensione settimanale, quando finalmente sarò ufficialmente in vacanza per una settimana e mezza prima dell’inizio delle lezioni! Non vedo l’ora. Continua a leggere