Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine – Chistmas edition!


2 commenti

Recensione: “Shiver”, Maggie Stiefvater.

Sarebbe stato così facile attraversare con le labbra i centimetri che separavano le nostre bocche.

Titolo: Shiver (I lupi di Mercy Falls #1)
Titolo originale: Shiver (The wolves of Mercy Falls #1)
Autore: Maggie Stiefvater
Editore: Rizzoli
Pagine: 406
Anno: 2009

Grace e Sam non si sono mai parlati, ma da sempre si prendono cura l’una dell’altro. Non si conoscono, eppure lei rischierebbe la vita per lui, e lui per lei.
Perché Grace, fin da piccola, sorveglia i lupi che vivono nel bosco dietro casa sua, e in particolare uno dotato di magnetici occhi gialli, che negli anni è diventato il suo lupo. E perché Sam da quando era un bambino vive una doppia vita: lupo d’inverno, umano d’estate. Il caldo gli regala pochi preziosissimi mesi da essere umano prima che il freddo lo trasformi di nuovo.
Grace e Sam ancora non si conoscono, ma tutto è destinato a cambiare: un ragazzo è stato ucciso, proprio dai lupi, e nella piccola città in cui vive Grace monta il panico, e si scatena la caccia al branco. Grace corre nel bosco per salvare il suo lupo e trova un ragazzo solo, ferito, smarrito, con due magnetici occhi gialli. Non ha dubbi su chi sia, né su ciò che deve fare.
Perché Grace e Sam da sempre si prendono cura l’una dell’altro, e adesso hanno una sola, breve stagione per stare insieme prima che il gelo torni e si porti via Sam un’altra volta. Forse per sempre.

2 Continua a leggere

Annunci


2 commenti

Recensione: “Ink exchange”, Melissa Marr.

Titolo: Ink exchange – Sortilegi sulla pelle (Wicked lovely #2)
Titolo originale: Ink exchange (Wicked lovely #2)
Autore: Melissa Marr
Editore: Fazi Editore
Pagine: 328
Anno: 2010

Misconosciuta ai mortali, una lotta per il potere si sta scatenando in un mondo di ombre e pericoli. Dopo secoli di stabilità, l’equilibrio all’interno delle corti fatate si è spezzato e Irial, il re della Corte Oscura, si batte per salvaguardare i suoi sudditi, ribelli e vulnerabili. Se dovesse fallire, ne seguirebbero spargimenti di sangue e crudeltà spietate. Leslie, a diciassette anni, non sa niente né delle fate né dei loro intrighi. D’improvviso si sente attratta da un tatuaggio incantato: capisce di doverlo avere a ogni costo, convinta che sia il simbolo tangibile di quel cambiamento che sta disperatamente cercando. Il tatuaggio in effetti porterà con sé molte trasformazioni, ma non del genere che lei immaginava: sono eventi sinistri e avvincenti, tutt’altro che simbolici. Avvenimenti che uniranno Leslie a Irial, attirandola sempre più in un universo fatato cui sembrerà incapace di resistere, scoprendosi impotente di fronte ai suoi pericoli. Dopo Wicked Lovely, Melissa Marr prosegue nel racconto delle avventure del Piccolo Popolo in una seducente storia di tentazioni e inganni: fino a un ultimo, imprevedibile gesto eroico.

Leslie, una delle migliori amiche di Aislinn – la nuova Regina dell’Estate -, vive in una situazione familiare di estremo degrado e malessere: la madre se ne è andata, il padre è un ubriacone che non si fa mai vivo e il fratello è un tossico che non esita a drogarla e a venderla ai suoi amici per dose. Il solo motivo per cui Leslie non scappa né chiede aiuto, ma si fa il mazzo tra scuola e lavoro e rientra in casa solo per dormire dietro la porta chiusa a doppia mandata della sua camera, è che come tutte le vittime non cerca vendetta: vuole sopravvivere. E sopravvivere significa aggrapparsi ad ogni brandello di speranza, come la possibilità di potersene andare al college una volta finito il liceo o, molto più semplicemente, l’idea di fare del suo corpo ciò che vuole – marchiandolo con un tatuaggio. Quello che non ha messo – né avrebbe potuto – mettere in contro è che Rabbit, il tatuatore a cui ha scelto di affidarsi utilizzi su di lei il sangue di Irial, il sovrano della Corte Oscura, per realizzare quello che non è un semplice disegno ma la chiave di apertura di un legame destinato a trasformare Leslie e la vita così come l’ha sempre conosciuta.

«Leslie?», sussurrò Irial.
Lo vedeva come se le fosse apparso davanti il suo ologramma. Se non avesse avuto gli occhi chiusi, avrebbe potuto credere che fosse lì. Lo vide trasalire, sbalordito, disturbando con quel movimento improvviso la creatura fatata che si era accoccolata sulle sue ginocchia. «Cosa stai facendo?».

«Ho fatto la mia scelta». Morse il copriletto per non gridare. Aveva i pugni serrati con tanta forza che sentì che il tessuto si stava lacerando. Inarcò il dorso. Niall la trattenne appoggiandole un ginocchio sulla schiena.
Sotto le sue guance, il copriletto era bagnato di lacrime.
«Io sono mia. Di nessun altro».
«Io, invece, sono ancora tuo. E lo sarò sempre, Ragazza delle Tenebre»

Tutto in questo libro è molto più cupo e molto più malinconico di quanto non fosse nel primo capitolo della saga. Wicked Lovely è una storiellina all’acqua di rose, volendo fare un paragone: Ink exchange chiama in campo tematiche delicatissime, schiera personaggi più pericolosi, racconta eventi che fanno rizzare i peli sulle braccia per l’inquietudine e l’orrore. La Corte Oscura, del resto, non si chiama così per caso. Popolata da esseri che si nutrono di emozioni, tremendamente indebolita dalla nuova pace instauratasi tra la Corte d’Estate e la Corte d’Inverno, è guidata da Irial, una creatura che da subito mette bene in chiaro quale sia la sua priorità – il meglio, per le sue creature – e che a questo suo credo rimane fedele persino nel momento in cui le circostanze sono così stravolte da richiedere un sacrificio imprevisto. Mi è piaciuto, Irial. Mi è piaciuto il modo in cui l’umanità di Leslie è stata filtrata dal tatuaggio che a lui lo lega e poi declinata secondo un’indole che non è affatto umana e che non manca mai di ricordarcelo. È determinato, concentrato, deciso da fare ciò che va fatto – e nonostante questo riserva a Leslie premure che Keenan – tanto per fare un nome – non avrebbe mai riservato ad Aislinn – con la quale, ricordo, era più che disposto a giocare sporco. Eppure, vittima di sentimenti inaspettati e di una decisione che non condivide, non esiterà ad optare per il meglio – per Leslie e per la sua Corte – dando prova di essere molto migliore di quanto non potesse sembrare all’inizio del libro. Chiaro che gli esseri umani, in questa saga sono e saranno sempre in svantaggio: come Aislinn, anche Leslie è una pedina su una scacchiera di immortali, ma questo non le impedisce di conservare una dignità degna di nota. Leslie vuole essere libera, padrona di sé stessa e del suo destino. In più di ogni occasione ribadisce il suo voler essere sua e di nessun altro, tanto con Irial che con Niall, i quali non sembrano però capire appieno questa sua necessità – forse perché vittima della loro natura, che genera dipendenza in qualsiasi mortale si trovi al loro fianco, o perché abituati a trattare i mortali alla stregua di giocattoli -, determinata a scegliere da sé e per sé si scontrerà persino con Aislinn, decisa a tenerla all’oscuro di un qualcosa che sì, è oscuro, ma non così tanto segreto. La Corte dell’Estate non ci fa una bella figura, con la sua Regina incapace di comportarsi da amica nonostante le più buone intenzioni, un Re che percaritàdiddio non fatemi dire nulla su questo essere egocentrico, egoista e non curante e il suo ex consigliere, scalzato dal suo ruolo e improvvisamente privo di scopo, conteso tra la sua volontà, la sua voglia e la sua natura più intima e tenebrosa. Niall è… controverso. Se da un lato sembra davvero avere a cuore la sorte di Leslie, dall’altro è piuttosto evidente che la sua preoccupazione è dovuta al pensiero che Irial possa sottrargli il giocattolino da sotto il naso. Non parla di innamoramento, non una volta soltanto, ma di desiderio. Desidera Leslie, per qualche oscura ragione, ed è disposto a prendere in considerazione l’idea di soggiogarla con i proprio poteri, trasformandola in tutto quello che lei più teme e aborrisce al mondo, solo per il gusto di sottrarla al Sovrano Oscuro. Cosa sarà di lei quando si sarà eventualmente scocciato, non è un pensiero che lo sfiora per un solo istante: la caccia e la soddisfazione immediata sono più importanti, per quanto una parvenza di riscatto – glielo concedo – gli permetta di salvarsi all’ultimo.

Niall cadde in ginocchio davanti alla sua regina. «Se mi permetterete di parlarle, di dirle di noi, Leslie potrà giurare fedeltà alla nostra corte. Sarà al sicuro, Irial non potrà più toccarla».
La Regina dell’Estate trasalì a quelle parole e si morse il labbro. «Non voglio essere la regina delle mie amiche. Non è mai stato mio desiderio».
«Ma voi non sapete cosa accade nella Corte Oscura. Io sì», disse Niall, per quanto sperasse che Leslie non dovesse scoprirlo mai. Imbarazzato, si portò una mano alla cicatrice che gli segnava il volto. Erano state le creature di Irial a sfregiarlo in quel modo affinché se ne rammentasse ogni giorno della sua vita.
«Voglio che Leslie possa essere libera da… tutto questo», disse Aislinn indicando gli esseri fatati che facevano baldoria intorno a loro. «Voglio che possa avere una vita normale e non essere costretta a vivere in questo mondo. Ha già sofferto abbastanza».
«Se Irial la rapisce, soffrirà ben più di quanto nessuno di voi possa immaginare».

Per essere uno Young Adult, Ink exchange affronta tematiche tutt’altro che leggere ed è, in soldoni, una storia di abusi. Leslie ha subito abusi dalla sua famiglia, è vittima di abusi dal momento in cui si ritrova contesa tra Irial e Niall e quando cade vittima della malia del primo. Sotto questo punto di vista, è un libro terrificante. Per quanto anche in Wicked Lovely ad Aislinn non fosse dato di scegliere, questa volta le prospettive sono spaventose. Come ho già detto, le pagine di questo romanzo tratteggiano una storia cupa, in certi punti quasi deprimente, ma mai meno che affascinante. Mi è piaciuta l’idea di un’intera corte che ha bisogno di emozioni per sopravvivere, mi è piaciuto lo stratagemma del tatuaggio per creare la connessione tra Leslie e Irial, mi è piaciuto Irial e mi è piaciuto moltissimo questo triangolo amoroso che si viene a costituire sulla base di attrazioni capricciose ma che lentamente evolve verso una consapevolezza più matura. La Marr ha uno stile che con me funziona benissimo, non si può negare, e leggere i suoi romanzi è per me un piacere che dura sempre troppo poco. Il suo universo è un universo per tanti aspetti spaventoso, che relega gli umani in una posizione di netta inferiorità rispetto al popolo fatato e ai suoi sovrani, ma è proprio questo il punto: è una novità. Una bellissima novità che spalanca una finestra su un panorama che per me è inedito, intrigante, stupendo.

Pin this book!


5 commenti

Recensione: “Wicked lovely”, Melissa Marr.

Titolo: Wicked Lovely, incantevole e pericoloso (Wicked Lovely #1)
Titolo originale: Wicked Lovely
Autore: Melissa Marr
Editore: Lain – Fazi
Pagine: 360
Anno: 2008

2015 Reading Challenge
7 – Un libro con personaggi non umani

Sinossi
Aislinn vive in una cittadina della provincia americana con la nonna. Va a scuola, frequenta gli amici, e tra questi incontra ogni giorno Seth, diciottenne, capelli blu, piercing e un vecchio vagone di un treno abbandonato come casa; un tipo mozzafiato, sicuro di sé e alternativo, un amico verso cui lei prova sentimenti profondi, al di là dell’amicizia. E la vita di Aislinn è quella di milioni di ragazzi, se non fosse per un aspetto: ha il potere di vedere le fate. Fate malvagie che infestano la città, che si presentano in bande a fare dispetti e spintonare gli umani, fate pagane, maliziose e lascive, creature che possono essere tenute alla larga solo grazie alla presenza del ferro. Aislinn ha imparato a proteggersi da loro facendo finta di non vedere, di non possedere la vista, seguendo i saggi consigli della nonna: non guardare le fate invisibili, non parlare con loro e, soprattutto, non attirarne l’attenzione. Ma quando Keenan, il Re dell’estate, guida del Regno Fatato, decide che la ragazza è destinata a diventare la compagna della sua vita, per Aislinn, ammaliata dalla sua straordinaria bellezza e preda di una strana e calda alchimia che la scuote in ogni parte, diventa difficilissimo allontanarlo: il suo cuore è diviso tra Keenan e l’amico-amante Seth, divenuto nel frattempo custode del suo segreto, in un pericoloso ed eccitante conflitto tra amore eterno e amore terreno.

Continua a leggere


1 Commento

Recensione: “Raven Boys”, Maggie Stiefvater.

 

Titolo: Raven Boys (The Raven Cycle #1)
Titolo originale: The Raven Boys (The Raven Cycle #1)
Autore: Maggie Stiefvater
Editore: Rizzoli
Pagine: 467
Anno: 2013

Sinossi
Nata in una famiglia di chiaroveggenti, Blue Sargent, sedici anni, fin da piccola sa che con un bacio ucciderà il suo vero amore. Ora però a quanto pare il momento è prossimo: prova ne è la visione che Blue ha nella notte della vigilia di San Marco, quando gli spiriti dei futuri morti di Henrietta, una cittadina della Virginia, si mostrano alle veggenti Sargent: Blue vede lo spettro di Gansey e apprende che è proprio lui il suo vero amore, e quindi la persona che ucciderà.
Fatalità vuole che Gansey di lì a poco si presenti alla porta delle Sargent per un consulto magico: da anni è sulle tracce di Glendower, mitico re gallese la cui salma è stata trafugata oltreoceano secoli prima e sepolta lungo la linea temporale che attraversa Henrietta.
Blue decide di aiutare Gansey, e si ritrova coinvolta nella ricerca di questa sorta di Graal insieme agli altri Raven Boys, i problematici studenti della scuola che Gansey frequenta. Ma questo è solo l’inizio dell’avventura.

Continua a leggere


Lascia un commento

Recensione: “Città del Fuoco Celeste”, Cassandra Clare.

Gli eroi non sempre sono quelli che vincono. Sono quelli che perdono, a volte. Però continuano a combattere, continuano a provarci. Non si arrendono. Ed è questo che fa di loro degli eroi.

Titolo: Città del Fuoco Celeste
Titolo originale: City of Heavenly Fire
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori – Chrysalide
Pagine: 756
Anno: 2014

Giudizio: 5/5

Sinossi
Erchomai, ha detto Sebastian. Sto arrivando. E ancora una volta sul mondo degli Shadowhunters cala l’oscurità. Mentre tutto intorno a loro cade a pezzi, Clary, Jace e Simon devono unirsi con tutti quelli che stanno dalla stessa parte, per combattere il più grande pericolo che la società dei Nephilim abbia mai affrontato: Sebastian, il fratello di Clary. Il traditore, colui che ha scelto il male. Nulla, in questo mondo, può sconfiggerlo, e i tre – uniti da un legame profondo e indissolubile – sono costretti a cercare un altro mondo dove l’estremo scontro abbia una speranza di vittoria. Il mondo dei demoni. Ma il prezzo da pagare sarà altissimo. Molte vite saranno perdute per sempre, e l’amore sarà sacrificato per un bene più grande: scongiurare la distruzione definitiva di un mondo che non sarà mai più lo stesso. Perché la fine degli Shadowhunters è anche il loro inizio. Continua a leggere


1 Commento

Recensione: “Città degli angeli caduti”, “Città delle anime perdute”, Cassandra Clare.

Titolo: Città degli angeli caduti (The mortal instruments #4)
Titolo originale: City of fallen angels (The mortal instruments #4)
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 488
Anno: 2011

Giudizio: 3.5/5

Sinossi
La guerra è conclusa e Clary è tornata a New York, intenzionata a diventare una Cacciatrice di demoni a tutti gli effetti. E finalmente può dire al mondo che Jace è il suo ragazzo.
Ma ogni cosa ha un prezzo. C’è qualcuno che si diverte a uccidere gli Shadowhunters, e ciò causa fra Nascosti e Cacciatori tensioni che potrebbero portare a una seconda, sanguinosa guerra. Simon, il migliore amico di Clary, non può aiutarla. Sua madre ha scoperto che è un vampiro e lui non ha più una casa. E come se non bastasse, esce con due ragazze bellissime e pericolose, nessuna delle quali sa dell’altra. Quando anche Jace si allontana senza darle spiegazioni, Clary si trova costretta a penetrare nel cuore di un mistero che teme di svelare fino in fondo: forse è stata lei a mettere in moto la terribile catena di eventi che potrebbe farle perdere tutto ciò che ama. Jace compreso.
Amore. Sangue. Tradimento. Vendetta. La posta in gioco non è mai stata così alta per gli Shadowhunters.

Titolo: Città delle anime perdute (The mortal instruments #5)
Titolo originale: City of lost souls (The mortal instruments #5)
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 549
Anno: 2012

Giudizio: 4/5

Sinossi
Lilith, madre di tutti i demoni, è stata distrutta. Ma quando gli Shadowhunters arrivano a liberare Jace, che lei teneva prigioniero, trovano soltanto sangue e vetri fracassati. E non è scomparso solo il ragazzo che Clary ama, ma anche quello che odia, suo fratello Sebastian, il figlio di Valentine. Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters. La potente magia del Conclave non riesce a localizzare né l’uno né l’altro, ma Jace non può stare lontano da Clary. Quando si ritrovano, però, Clary scopre che il ragazzo non è più la persona di cui si era innamorata: in punto di morte Lilith lo ha legato per sempre a Sebastian, rendendolo un fedele servitore del male. Purtroppo non è possibile uccidere uno senza distruggere anche l’altro. A chi spetterà il compito di preservare il futuro degli Shadowhunters, mentre Clary sprofonda in un’oscura furia che mira a scongiurare a ogni costo la morte di Jace? Amore. Peccato. Salvezza. Morte. Quale prezzo è troppo alto per l’amore? Di chi ci si può fidare, quando peccato e salvezza coincidono? Ma soprattutto: si possono reclamare le anime perdute?

Sarà onesta, recensire le trilogie non mi entusiasma. Non è un caso che in questo blog troviamo o la recensione del primo volume soltanto o solo dei primi due, o un post unico come  per The infernal devices: non ho abbastanza pazienza per mettermi seduta, appena terminato un volume, e recensirlo prima di buttarmi a pesce sul secondo o sul terzo. Proprio non ce la faccia, è più forte di me. Per questo quando ho ripreso in mano The mortal instruments, l’ho fatto con la chiara intenzione di cavarne fuori un unico, glorioso post per un unico, per niente glorioso, lunedì.  Poi è successo che ho finito Città delle anime perdute e ho iniziato Città del Fuoco Celeste: dopo i primi tre capitoli ho realizzato che no, un post solo per tutta la trilogia non sarebbe stato abbastanza. E quindi eccoci qui, a parlare di due libri che fondamentalmente servono ad introdurre il capitolo finale, a tirare le fila, ad ingarbugliare le trame e definire alleanze, ad ammassare all’orizzonte un fronte temporalesco che crepita, saturo di elettricità, aspettando solo il momento in cui esplodere e travolgere tutto e tutti, lasciandosi alle spalle un paesaggio che non sarà più lo stesso. Quindi teniamoci forte, un bel respiro, e via andare!
Che dire, sulla trama? Il discorso, di per sé è molto semplice: qualcosa si agita nell’ombra, qualcosa che non visto manipola e trama per realizzare il primo tassello di un disegno infernale. Nephilim uccisi nei territori di competenza dei Nascosti, Jace che – al solito – decide di sobbarcarsi colpe che non ha e allontana una Clary che pensava di poter vivere una storia d’amore normale almeno per un pochino, Simon costretto a scendere a patti con la propria natura di vampiro e con la sua evidente incapacità di fare ordine in una vita sentimentale straordinariamente affollata, Alec alle prese con il tarlo di un dubbio che lo porta a tramare alle spalle di Magnus, forse meno glitterato ma molto meglio riuscito del suo fidanzato, Isabelle, fiera e bellissima, vera protagonista di questi due romanzi, Camille Delancourt che riappare – splendida e ingannevole – direttamente da The Infernal Devices, una misteriosa setta che adora la madre di tutti gli stregoni, Lilith, e il figlio prediletto di quest’ultima, Sebastian, che ritorna alla morte per riequilibrare ciò che Clary ha scombinato, riportando in vita Jace. Questo, in soldoni, è quello che accade in Città degli angeli caduti. Città delle anime perdute, fortunatamente, ci riserva un minimo in più di pepe, perché Jace non è più Jace un burattino a forma di Jace che agisce, pensa e respira in funzione dei desideri di Sebastian, che è ritornato dalla morte ed è la cosa più meravigliosa che la Clare potesse mai regalarci, l’unico personaggio fondamentalmente degno di nota in una palude di immaturità e stupidità esagerata. Perché Clary, sconvolta oltre ogni immaginazione, sceglie consapevolmente di consegnarsi a Sebastian per salvare Jace, facendo affidamento unicamente su due anelli delle fate che avrebbe dovuto consegnare alla (per niente) affidabile Regina Seelie. Sullo sfondo si agitano Isabelle, irrequieta e chiusa in se stessa al limite dell’ostilità, Alec, che si comporta come fosse un bambinetto di cinque anni e Simon, che non ha più niente a che spartire con il Simon della prima trilogia, assieme ai neo arrivati Maia e Jordan che, lo ammetto, in più di un momento ho ritenuto essere più interessanti del trio protagonista.
Sembra essere una malattia diffusa, tra i personaggi della Clare, la stupidosi: nella piena convinzione di aver trovato la soluzione più intelligente ai problemi che si presentano davanti a loro, la loro soluzione è sempre e comunque quella più idiota che una persona possa elaborare. Non contenti, si gettano pure capofitto in situazioni che di fatto non confermano la loro tempra morale, il coraggio o la forza che ci aspetta dagli eroi della Guerra Mortale quanto piuttosto uno stadio di malattia piuttosto avanzato. E questo vale principalmente per Clary e Alec che, a conti fatti, sono stati una delusione piuttosto grossa da digerire.
Vorrei dire che le vicende amorose sono il perno dei due libri, ma non è così. Il motivo per cui questi due libri mi son piaciuti tanto nonostante le vicende amorose nel complesso infantili, fragili e a tratti persino fastidiose (come è giusto che siano, però, i primi grandi amori, e mi chiedo se non fosse questo l’intento della Clare) è il disegno più ampio che tratteggiano e portano avanti pazientemente, pagina dopo pagine, a discapito dalla stupidosi acuta dei personaggi principali. È l’orizzonte più ampio, quello di cui ho accennato in apertura della recensione, dove piano piano si iniziano a raggrumare i famigerati nuvoloni neri dell’inevitabile nuova guerra. Una guerra terribile, che qua s’intuisce appena e che delinea due schieramenti inaspettati e terrificanti, una contrapposizione assoluta che rasenta la guerra civile e che al tempo stesso non lo è. Il mondo degli Shadowhunters è un mondo bellissimo, in cui ci si immerge sempre con piacere, ma che di fatto stenta un po’ nel quarto volume nella saga e si riprende discretamente nel quinto. Richiede pazienza, e un briciolo di perseveranza, promettendo in cambio un capitolo conclusivo che davvero, se non si rivelerà all’altezza delle aspettative, mi vedrà prendere un aereo e andare a protestare dalla Clare in persona.
Ho trovato magistrale la solidità dell’idea alla base, scandita per punti – il ritorno di Sebastian prima e la redenzione di Jace, posseduto tanto dall’oscurità quanto dalla luce del paradiso, poi, la creazione di una Coppa Infernale e la nascita di una stirpe di Ottenebrati – in una contrapposizione di chiaro scuri violenti, senza sfumature di grigio nel mezzo e sostenuta da un’architrave di sentimenti altrettanto intensi, nel bene e nel male, e dalla costante assolutamente perfetta del cattivo per eccellenza, Sebastian. Mi rendo conto di essere ripetitiva, su questo personaggio, ma non riesco a farne a meno. Per citare due commenti stupendi che mi sono stati lasciati la settimana scorsa e chiudere la parentesi almeno fino alla recensione di Città del Fuoco Celeste, Sebastian

E’ complesso, così complesso da essere completo, da non poter essere odiato, è molto più umano di quanto lo sia Jace: nessuno di noi nella vita vera è un eroe come un Herondale, è più facile che sia spaventato o egoista come un Morgenstern; in Sebastian trovi tutti i buchi che gli hanno scavato dentro, da Valentine, a Lilith, passando per Jocelyn che l’ha lasciato e arrivando a Clary che non lo vuole, nonostante lui faccia tutto per lei, per stare con lei. Nessuno nega che sia un personaggio malato, controverso, pericoloso, ma gli va concesso l’essere più profondo di una pozzanghera, a contrario di altri. — Alessia

Perché Sebastian non è tutto ombre ed è pieno di sfaccettature che, se da una parte spaventano per la perversità che lo spinge ad agire, dall’altra commuovono e spingono alla compassione, se non talvolta alla comprensione.
Amo visceralmente Jace, ma non si può riconoscere che è Sebastian/Jonathan il personaggio della Clare (di entrambe le serie) più riuscito. — Cecilia, di Se solo sapessi dire.

Sebastian, di fatto, è un valido argomento (cit.) per leggere questa trilogia. Assieme ad Isabelle, che vediamo emergere a colpi di frusta dall’ombra dei personaggi secondari, è la prova di quanto Cassandra Clare sia stata capace di maturare come autrice e di quanto si sia impegnata nello scrivere e nel migliorare questa saga. Laddove Clary e Jace hanno quasi il sapore dolce amaro dei piacevolissimi cliché da amore tormentato e avversato dalle stelle, laddove Alec proprio non si capisce cosa gli sia preso e Simon si rivela essere un inaspettato e non troppo – da me – apprezzato eroe della situazione, ecco che l’insperato arriva dove proprio non si pensa di andare a cercare. E cosa c’è di meglio di un bellissimo cattivo che, con la determinazione di un segugio, insegue i propri obiettivi senza guardare in faccia nessuno? Cosa c’è di meglio di una splendida eroina che rivela i perché della corazza che indossa quotidianamente con tanta determinazione, per proteggersi dal dolore che le persone potrebbero causarle e che già ha patito proprio a causa di chi avrebbe dovuto semplicemente amarla e proteggerla?
Ripeto, ci sono alti e bassi in questi libri. Ma nel complesso la storia che raccontano è molto bella, molto ben gestita e sopra ogni altra cosa ben pensata – non si può negare. Se a leggere Città degli angeli caduti è legittimo pensare si tratti di un ennesimo modo per portare avanti un fenomeno sulla cresta dell’onda, Città delle anime perdute mette bene in chiaro che c’è molto di più dietro che non una ricerca di guadagno studiata a tavolino – e in una certa misura i riferimenti a The Infernal Devices sono la conferma di questo tentativo di creare un universo completo, che scorre fluidamente tra passato e futuro. Un po’ come sta accadendo tra i vari film della Marvel, dove i riferimenti sono continui e si incastrano senza fatica tra loro. Voglio dire, persino mio padre sta terminando di leggere la saga! Certo, non apprezza troppo i risvolti sentimentali, ma non è neppure il tipo di lettore che finisce di leggere qualcosa per principio. Al contrario, se qualcosa non gli piace lascia perdere e basta: se sta portando avanti questa lettura, evidentemente qualcosa che piace c’è. Quindi fidatevi di lui, perché io è evidente che ho per la testa mille cose da dire e che non so dar loro una struttura coerente.
Consigliati entrambi, ma con le dovute precauzioni: il bello deve ancora arrivare!


3 commenti

Recensione: “Il Trono di ghiaccio”, Sarah J. Maas.

We all bear scars… Mine just happen to be more visible than most.

Titolo: Il Trono di ghiaccio (Throne of Glass #1)
Titolo originale: Throne of Glass (Throne of Glass #1)
Autore: Sarah J. Maas
Editore: Mondadori
Pagine: 492
Anno: 2013

Giudizio: 4/5

Sinossi
Per una volta Celaena, la migliore assassina nel regno di Adarlan, non deve uccidere su commissione, ma per guadagnarsi la libertà. Il figlio del tirannico re del Paese sta cercando un nuovo sicario che elimini i nemici di suo padre. Celaena, strappata ai lavori forzati cui era condannata, deve riuscire a sopravvivere tra ventiquattro contendenti. Se vincerà, diventerà la paladina del re e, dopo quattro anni di servizio, sarà infine libera. Il Principe Ereditario è il suo maggiore alleato. Il Capitano delle Guardie la protegge. Entrambi la amano. Ma l’amore e il talento non bastano per vincere. Quando gli altri candidati iniziano a morire uno dopo l’altro, Celaena capisce che la sua vita è sempre più in pericolo, e le persone di cui fidarsi sono sempre meno… A lei spetterà il compito di estirpare il male, prima che distrugga il suo mondo. Continua a leggere